Nutrizione per la pancreatite: capire cosa puoi e cosa non puoi mangiare

Cliniche

L'infiammazione del pancreas, o pancreatite, è una malattia grave che può ridurre significativamente la qualità della vita di una persona. Può essere causato da molte ragioni diverse e procedere in forme diverse, ma in tutti i casi, la pancreatite causa problemi con la produzione di enzimi digestivi, il che significa che interrompe la funzione stessa di digerire il cibo e assorbire i nutrienti da parte del corpo. I medici hanno sviluppato un regime di trattamento speciale per questa malattia, in cui una corretta alimentazione gioca un ruolo importante..

Regole nutrizionali di base per la pancreatite

Il pancreas è uno dei principali partecipanti al processo di digestione. Gli enzimi che produce scompongono attivamente il cibo, contribuendo alla sua più rapida e completa assimilazione. Una ghiandola sana può gestire facilmente questo compito producendo la giusta quantità di enzimi pancreatici (enzimi). Ma quando si verifica un'infiammazione, il cibo troppo grasso o pesante causa un carico eccessivo sull'organo, peggiorando ulteriormente le sue condizioni.

Con la pancreatite in una qualsiasi delle sue forme, si dovrebbe aderire non solo a rigide regole nella scelta degli alimenti, di cui parleremo di seguito, ma anche a speciali principi nutrizionali studiati appositamente per aiutare il pancreas ad affrontare più facilmente la sua funzione principale.

  • In primo luogo, dovresti rispettare le regole della nutrizione frazionata, cioè mangiare spesso, da cinque a sei volte al giorno in piccole porzioni - fino a 300 g [1].
  • In secondo luogo, è obbligatorio il risparmio chimico del pancreas e di altri organi digestivi. Per questo, tutto ciò che può irritarli e provocare una produzione troppo attiva di enzimi è escluso dalla dieta. La maggior parte degli alimenti viene bollita o cotta al forno.
  • In terzo luogo, è necessario un risparmio meccanico del tratto gastrointestinale, cioè mangiare cibo in una forma schiacciata o addirittura asciugata (con pancreatite acuta o esacerbazione di una forma cronica della malattia).
  • In quarto luogo, la dieta dovrebbe contenere fino al 60% di proteine ​​animali, ovvero circa 200 grammi al giorno [2].
  • In quinto luogo, la quantità di grasso è limitata a 50 g al giorno, con una distribuzione uniforme dei grassi durante il giorno. I grassi possono essere utilizzati solo per cucinare, sono vietati come piatto indipendente. Ad esempio, dovrai rifiutare un panino con il burro, poiché è probabile che un carico eccessivo di grasso provochi un'esacerbazione della malattia e ne peggiori il decorso.
  • In sesto luogo, la quantità di zuccheri e cibi contenenti zucchero consumati quotidianamente dovrebbe essere limitata a 30-40 g al giorno, mentre il contenuto di carboidrati dovrebbe rimanere normale, fino a 350 g al giorno. È consentito sostituire lo zucchero con xilitolo o altri dolcificanti.
  • In settimo luogo, è escluso l'uso di alimenti che provocano un aumento della produzione di gas (flatulenza).
  • Ottavo, l'assunzione di sale è limitata. La tariffa consentita va dai tre ai cinque grammi al giorno.

Descriveremo di seguito quali alimenti sono ammessi per l'infiammazione del pancreas e quali sono severamente vietati..

Cosa puoi mangiare con la pancreatite, a seconda delle forme della malattia

Nella pancreatite cronica nella fase di remissione stabile, il paziente deve mangiare secondo i requisiti di base, ma il cibo non deve essere schiacciato o asciugato. Lo scopo della dieta per la pancreatite cronica è fornire un'alimentazione adeguata, ridurre il processo infiammatorio nel pancreas, ripristinare le sue funzioni.

Sono esclusi dalla dieta cibi fritti, cibi che favoriscono la fermentazione intestinale e ricchi di oli essenziali, nonché tutte le mucose irritanti del tratto gastrointestinale, condimenti e spezie ed estratti. Ad esempio, la carne contiene sostanze estrattive, che si dividono in azotate e non azotate. Un chilogrammo di carne contiene in media 3,5 g di estratti azotati. La maggior parte degli estrattivi azotati si trova nella carne di maiale: il loro contenuto totale raggiunge i 6,5 g per chilogrammo di tessuto muscolare. La quantità più piccola di estratti si trova nel montone: 2,5 g per chilogrammo di muscolo. A tal proposito, nei casi in cui è necessario limitare gli estrattivi, può essere consigliato l'agnello magro..

Gli estratti azotati sono carnosina, creatina, anserina, basi puriniche (ipossantina), ecc. Il valore principale degli estrattivi sono le proprietà gustative e l'effetto stimolante sulla secrezione delle ghiandole digestive.

Gli estratti privi di azoto - glicogeno, glucosio, acido lattico - sono contenuti nella carne in una quantità di circa l'1%. Nella loro attività sono significativamente inferiori agli estrattivi azotati.

La carne di animali adulti è più ricca di sostanze estrattive e ha un sapore più pronunciato rispetto alla carne di animali giovani. Questo spiega il fatto che i brodi forti possono essere ottenuti solo dalla carne di animali adulti. Le sostanze estrattive della carne sono agenti causali vigorosi della secrezione gastrica, e quindi brodi forti e carne fritta stimolano al massimo la secrezione dei succhi digestivi. La carne bollita non possiede questa proprietà, e quindi è ampiamente utilizzata in una dieta dietetica, chimicamente parsimoniosa, per gastriti, ulcere peptiche, malattie del fegato e altre malattie dell'apparato digerente..

I piatti sono al vapore o al forno. Questo tipo di dieta è generalmente consigliato a lungo per consentire al pancreas di riprendersi. L'elenco degli alimenti consentiti per la pancreatite cronica è piuttosto ampio, in modo che il paziente abbia l'opportunità di mangiare non solo bene, ma anche gustoso.

La nutrizione terapeutica per la pancreatite acuta e l'esacerbazione della pancreatite cronica è quasi la stessa. Il primo giorno di malattia, è incluso nel sistema di emergenza per un attacco e ha lo scopo di ridurre il dolore e l'attività del pancreas. La formula tradizionale - "freddo, fame e riposo" - riflette perfettamente i principi di trattamento della pancreatite acuta e dell'esacerbazione della forma cronica.

Per creare riposo funzionale per il pancreas, il corpo del paziente viene fornito dei nutrienti necessari (solitamente aminoacidi e vitamine) utilizzando la cosiddetta nutrizione parenterale, cioè mediante infusione endovenosa (somministrazione), bypassando il tratto gastrointestinale. In alcuni casi, se il paziente non ha vomito e segni di gastrostasi, cioè un rallentamento dell'attività dello stomaco, è consentito bere acqua minerale alcalina o tè debole, circa 1,5 litri al giorno. Circa il secondo o il terzo giorno, il paziente viene gradualmente trasferito a una nutrizione enterale limitata e quindi a completa.

La terapia nutrizionale per la pancreatite acuta e l'esacerbazione della forma cronica ha una serie di caratteristiche. Innanzitutto è necessario introdurre quanto prima la quantità di proteine ​​richiesta nella dieta del paziente, poiché sono necessarie per la sintesi di inibitori enzimatici che sopprimono la produzione di questi ultimi da parte del pancreas. Per ridurre il carico sull'organo, a volte vengono utilizzate miscele speciali per la nutrizione enterale, prese attraverso un tubo o un tubo. Dopo circa due settimane, al paziente è consentita una dieta prolungata con risparmio chimico e meccanico degli organi.

I pazienti durante questo periodo sono raccomandati vari tipi di zuppe mucose su brodi di cereali o brodi vegetali, piatti al vapore tritati da carni magre e pesce, omelette proteiche al vapore, puree di frutta e verdura, ricotta appena cotta, tè debole, brodo di rosa canina, composte, gelatina. Il sale non è usato per cucinare.

Dieta terapeutica "Tabella numero 5 p": un elenco di prodotti

Durante la diagnosi di pancreatite, il paziente, insieme al trattamento farmacologico, riceve una raccomandazione per la terapia nutrizionale. Soprattutto per i pazienti con pancreatite, è stata sviluppata una versione speciale della dieta n. 5, raccomandata per le malattie del fegato e della cistifellea - dieta n. 5 p.

Ci sono due opzioni per questa dieta. Il primo è indicato per pancreatiti acute ed esacerbazioni croniche, viene prescritto dopo un digiuno di circa una settimana. Il contenuto calorico della dieta è di 2170-2480 kcal.

La seconda opzione, prescritta per la pancreatite cronica in fase di remissione, è caratterizzata da un alto contenuto proteico, la dieta quotidiana con questa dieta dovrebbe avere un valore energetico di circa 2440-2680 kcal.

Menu approssimativo per un giorno secondo la dieta n. 5 p (seconda opzione):

  • colazione: farina d'avena in acqua, soufflé di ricotta, succo di carota;
  • seconda colazione: mela al forno;
  • pranzo: zuppa-purea di zucchine e carote, involtino di manzo con purea di zucca, gelatina di frutti di bosco;
  • tè pomeridiano: biscotti crudi, tè debole;
  • cena: cotolette di luccioperca al vapore con cavolfiore, composta.

L'elenco degli alimenti consentiti dalla dieta numero 5 p è il seguente:

  1. Porridge e cereali: semolino, farina d'avena, grano saraceno non macinato, riso, cotto in acqua.
  2. Latticini: ricotta 1% di grassi, yogurt e kefir a basso contenuto di grassi, formaggio magro.
  3. Zuppe: brodi mucosi di cereali, passati di verdura, minestre a base di brodi secondari di carne, passati.
  4. Carne e pesce: pollo (petto), coniglio, manzo magro, tacchino, merluzzo, nasello, merluzzo bianco, luccio, lucioperca, passera e altre varietà a basso contenuto di grassi, bollite o al vapore sotto forma di polpette, cotolette, polpette, involtini.
  5. Verdura e frutta: zucchine, patate, broccoli, cavolfiori, carote, pomodori (con cura), cetrioli, zucca, mele dolci e pere (preferibilmente al forno), frutta secca. Le verdure vengono bollite, a volte strofinate.
  6. Salse: salse bianche delicate come besciamella, brodo vegetale, frutta e frutti di bosco.
  7. Dolce: gelatina di frutta e bacche, mousse, gelatina, marshmallow (in piccole quantità), miele, caramelle, alcune varietà di biscotti non gustosi.
  8. Altri prodotti: burro e olio vegetale per cucinare, uova di gallina (proteine), pane di grano di ieri.
  9. Bevande: succhi - carota, zucca, albicocca, rosa canina, acqua minerale, tè debole.

L'espansione della dieta migliorando il benessere può essere effettuata solo all'interno dell'elenco dei piatti consentiti, senza violare la tecnologia di cottura e non superare il volume consigliato.

Alimenti vietati per l'infiammazione del pancreas

Dieta n. 5 p è severamente vietato mangiare i seguenti alimenti:

  1. Porridge e cereali: piselli, fagioli, orzo e semola di mais.
  2. Latticini: latte, panna acida, panna ad alto contenuto di grassi, formaggi a pasta dura, ricotta grassa.
  3. Zuppe: a base di brodi forti di carne e pesce, nonché con verdure fritte come condimento: borscht, sottaceti, zuppa di cavolo, zuppa di pesce.
  4. Carne e pesce: pesce grasso - salmone, trota, caviale di salmone, pesce affumicato e salato, pesce in scatola, maiale e manzo grasso, salsiccia, carne affumicata, oca, anatra, carne in scatola.
  5. Verdura e frutta: tutta la verdura e la frutta in scatola, cavoli bianchi, cipolle, ravanelli, melanzane, peperoni.
  6. Salse: ketchup, adjika, senape e tutte le salse piccanti.
  7. Dolce: cioccolato, gelato, pasta frolla, creme di pasticceria.
  8. Altri prodotti: grassi animali, pane di segale ed eventuali muffin, funghi in qualsiasi forma.
  9. Bevande: succhi - arancia, uva, ciliegia, pomodoro, bevande gassate, qualsiasi alcol, tè e caffè forti.

La violazione della dieta può provocare un attacco anche se le condizioni del paziente sono rimaste stabili per molto tempo.

L'importanza degli enzimi nella digestione degli alimenti

La digestione del cibo nel corpo avviene con la partecipazione di diversi tipi di enzimi prodotti dallo stomaco, dal pancreas e dall'intestino tenue. Ciascuno degli enzimi è responsabile della scomposizione di alcuni componenti negli alimenti. In questo caso vengono prodotti enzimi che scompongono:

  • proteine ​​- proteasi (tripsina, chimotripsina);
  • acidi nucleici - nucleasi;
  • grassi - lipasi (steapsina);
  • carboidrati - amilasi.

Quando si verifica un'infiammazione del pancreas, la sua capacità di sintetizzare gli enzimi è significativamente ridotta e si verifica una carenza di enzimi. Questa condizione si manifesta con una violazione delle funzioni digestive del corpo e l'assorbimento di sostanze nutritive da parte sua, si verificano una serie di sintomi spiacevoli, come feci molli e abbondanti, disidratazione, sintomi di carenza vitaminica e anemia. Il peso corporeo può diminuire drasticamente, spesso si verificano bruciore di stomaco, nausea, vomito, flatulenza. La carenza enzimatica prolungata è molto pericolosa, poiché senza un trattamento adeguato porta al completo esaurimento del corpo..

Quindi, una corretta alimentazione in combinazione con la terapia enzimatica volta a reintegrare la mancanza di esimi è abbastanza in grado di ridurre le manifestazioni spiacevoli di pancreatite e carenza enzimatica. La cosa più importante è seguire chiaramente tutte le prescrizioni del medico curante, prevenendo l'autoattività nel trattamento.

Cosa prendere ai pasti se gli enzimi pancreatici sono carenti?

Con una carenza dei propri enzimi pancreatici nel corpo, come già accennato, la capacità di una persona di assimilare i nutrienti dal cibo è significativamente ridotta. Per risolvere questo problema, i medici raccomandano di seguire un ciclo di terapia enzimatica con preparati a base di pancreatina animale. Questo principio attivo contiene: proteasi, lipasi e alfa-amilasi, cioè tutti gli enzimi che il pancreas stesso produce.

La forma moderna di preparati enzimatici sono i microgranuli - pellet enterici microscopici (solubili in un mezzo alcalino) con un diametro inferiore a due millimetri. Questi pellet si trovano in una speciale capsula di gelatina (solubile nell'ambiente acido del succo gastrico), che consente al principio attivo, mescolandosi con il cibo, di penetrare esattamente dove avviene la digestione principale - nel lume del duodeno.

Tra i farmaci popolari e richiesti di questa categoria, si può citare, ad esempio, il farmaco Micrasim®, prodotto in capsule con un dosaggio di 10.000 e 25.000 unità. 30 minuti dopo che i microgranuli entrano nell'intestino tenue, viene rilasciato almeno il 97% degli enzimi, a seguito del quale si nota la loro massima attività, simile a quella degli enzimi nel corpo umano. Micrasim® promuove la digestione e l'assorbimento di successo dei nutrienti essenziali nel corpo. Nel processo di digestione, gli enzimi perdono gradualmente la loro attività e vengono escreti dall'organismo in modo naturale, bypassando il flusso sanguigno.

Micrasim ® è prescritto in caso di carenza enzimatica causata da pancreatite (senza esacerbazione), in violazione del processo digestivo dopo interventi chirurgici e per correggere la digestione in persone che non hanno malattie gastrointestinali, ma violano il regime alimentare e consentono errori nella nutrizione.

Controindicazioni del farmaco: intolleranza individuale ai componenti, esacerbazione della pancreatite cronica e pancreatite acuta.

Numero di registrazione di Micrasim ® nel registro statale dei medicinali - LS-000995 del 18 ottobre 2011, rinnovato a tempo indeterminato il 16 gennaio 2018. Il medicinale è incluso nell'elenco VED.

La pancreatite cronica durante un'esacerbazione è accompagnata da dolore periodico o persistente nella parte superiore dell'addome, che può essere di fuoco di Sant'Antonio, così come nausea (fino al vomito), feci molli e gonfiore.

Puoi prenderti cura della tua salute e supportare il lavoro del tubo digerente utilizzando preparati moderni contenenti enzimi per migliorare la digestione.

Micrasim ® contiene enzimi pancreatici che possono essere rilasciati solo nell'intestino, portando il processo di digestione il più vicino possibile al naturale.

Fai un test e scopri di più sulla tua dieta, oltre a ricevere consigli per regolarla.

Nel trattamento delle conseguenze della pancreatite, possono essere raccomandati preparati per normalizzare la digestione con il contenuto di amilasi, lipasi e proteasi.

Micrasim ® può essere utilizzato come parte del complesso trattamento di una serie di malattie dell'apparato digerente, in particolare per le malattie associate a disfunzioni del pancreas.

  • 1.2 https://e-libra.ru/read/391536-lechebnoe-pitanie-pri-hronicheskih-zabolevaniyah.html

Quando solo gli eccessi alimentari periodici associati a feste festive, fast food di strada, cambiamento della dieta abituale durante i viaggi turistici, mangiare prodotti semilavorati durante le escursioni e le gite, o l'assenza di una "seconda metà" vicina possono portare a indigestione, i preparati enzimatici possono essere utilizzati per mantenere il sistema del tratto digerente sul bancone. Tuttavia, se noti che le violazioni sono sistematiche, fissare un appuntamento per un consulto con un gastroenterologo sarà la decisione più corretta..

Cosa puoi mangiare con la pancreatite

La pancreatite, come qualsiasi malattia del tratto gastrointestinale, richiede una stretta aderenza alla dieta. La dieta dipende dalla forma della pancreatite: acuta o cronica. Nella forma acuta, è possibile il recupero del pancreas. In cronico: il processo è già irreversibile, puoi solo mantenere lo stato del corpo, aumentare la durata del periodo di remissione.

La forma acuta può diventare cronica. Più spesso, le cause della forma cronica sono lo sviluppo di malattie di terze parti (gastrite o colecistite), dieta malsana, abuso di alcol.

Nutrizione per pancreatite acuta

Dopo l'inizio dei sintomi, sarà necessario ridurre il carico sul pancreas. Il cibo per la pancreatite dovrebbe essere limitato, è meglio andare su una razione di fame. Quando compare un forte dolore, una persona viene ricoverata in ospedale. Se il paziente non cerca assistenza medica, la condizione peggiora. I primi giorni di ricovero in ospedale non dovrebbero essere mangiati; il corpo viene mantenuto attraverso iniezioni endovenose di glucosio e altri nutrienti. Viene mostrata un'abbondante assunzione di liquidi. Bevono acqua minerale non gassata, un decotto di bacche di rosa canina.

Se la pancreatite è di bassa gravità, dopo 3-6 giorni, a seconda di come ti senti, sono ammessi cibi liquidi, purè di patate o porridge.

Per prevenire il deterioramento della condizione fino a quando la malattia non diventa cronica, nella pancreatite acuta viene modificato l'approccio alla nutrizione, rimuovendo dal menu alcuni alimenti che attivano il pancreas. Esclude: grasso, piccante, acido, in salamoia. Il divieto è imposto su prodotti da forno, caffè, cacao, alcol, latte, uova, tipi di carne selezionati.

Nutrizione per la pancreatite cronica

Una dieta sana è riconosciuta come il trattamento principale per la malattia. Si consiglia di mangiare 6 volte al giorno, concentrandosi su cibi sani che facilitano la digestione. Il numero di calorie è correlato all'energia spesa durante la giornata..

Per la pancreatite cronica, si consiglia la carne magra. Tacchino, coniglio, manzo, pollo saranno ottime fonti di proteine ​​animali, vitamine, ferro e fosforo. Le uova non sono consentite nella loro forma abituale, possono essere utilizzate come componenti di un piatto. È possibile il consumo di pesce magro. Il latte è un prodotto vietato, è consentito utilizzarlo come parte dei cereali. I prodotti a base di latte fermentato sono nell'elenco consigliato. Il formaggio è consentito in remissione.

Per cucinare, dovrai far bollire il cibo o usare una doppia caldaia. Non friggere con la pancreatite.

Gli alimenti consigliati includono cereali, verdure, frutta non acida. Tè, composta, gelatina sono usati come bevande. Sviluppato una miscela specializzata con l'aggiunta di vitamine essenziali.

Se si vuole diversificare l'elenco dei prodotti e introdurne di nuovi, è consentito, con attenzione, iniziare con un cucchiaio piccolo o una porzione equivalente. Se non ci sono effetti collaterali, aumentare la porzione in modo uniforme. In caso di nausea, eruttazione o un sintomo sospetto, il prodotto deve essere interrotto immediatamente..

Cosa mangiare con la pancreatite

Quando si redige un menu, è necessario chiedere al proprio medico un elenco di prodotti consentiti per il consumo e non praticare l'automedicazione, esacerbando una situazione difficile.

È difficile seguire una dieta a lungo termine o per tutta la vita. Per non confondersi con prodotti vietati e consentiti, viene compilata una tabella.

Quali verdure puoi mangiare

Per rendere le verdure meno caricate sull'apparato digerente, devono essere cotte. La cottura a vapore e l'ebollizione sono considerate ideali. I prodotti per la pancreatite sono in umido o al forno. La zuppa a base di brodo vegetale diventa un nutriente importante per la pancreatite. E la zuppa schiacciata, macinata con un frullatore fino alla pappa, faciliterà il lavoro del pancreas..

Le verdure sono benvenute. Le scelte migliori sono: zucca, barbabietole, zucchine, cavolfiori e carote.

Durante il periodo di remissione, vengono aggiunti gradualmente cavolo bianco e pomodori, se non compaiono sintomi di deterioramento. Le verdure sono cotte, non consumate crude.

Le verdure vietate includono melanzane, ravanelli, rapa, cipolle, aglio.

Le melanzane non vanno consumate a causa del possibile contenuto di solanina, che aumenta di massa durante la maturazione del frutto. Le verdure acerbe saranno meno dannose.

Ravanelli, rape e ravanelli causano un'esacerbazione nella remissione della pancreatite cronica, irritando il tratto digerente.

Con un'esacerbazione, il peperone è vietato a causa dell'alto contenuto di acido ascorbico e altre sostanze biologicamente attive. Nella fase di remissione, la verdura può essere consumata.

Quali frutti o bacche puoi mangiare

La scelta di frutti e bacche nei pazienti con pancreatite è piccola. L'elenco degli alimenti ammessi al consumo comprende mele dolci, preferibilmente al forno, pere, banane. Durante la remissione, mangia papaia, melograno, melone (una fetta al giorno), avocado, prugna, cachi.

Le bacche sono consentite al di fuori della fase di aggravamento. Questo include ciliegie, mirtilli rossi, uva. Mousse o composte vengono cotte a base di fragole, lamponi, ribes, uva spina, mirtilli e mirtilli rossi.

I frutti vengono scelti esclusivamente maturi, si consiglia di cuocere o fare una composta. Frutta fresca e bacche sono consentite in piccole quantità, si consiglia di iniziare lentamente.

Decotto di rosa canina - utile per la pancreatite. La bevanda include un'abbondanza di vitamina C, antiossidanti e altre sostanze utili, è un agente tonico e riparatore.

Quali prodotti a base di carne puoi

Non tutti i tipi di carne sono accettabili per la pancreatite a causa della complessità della digestione e del contenuto di sostanze che stimolano la produzione di enzimi, portando ad un aumento del carico sulla ghiandola. Adatto per mangiare coniglio, tacchino, manzo e pollo.

Per prepararsi all'uso, è necessario pulire la carne da ossa, cartilagine, grasso, pelle e altri elementi scarsamente assorbiti. Con la carne cruda si preparano zuppe, polpette, cotolette al vapore, soufflé, involtini, scaloppine al forno, carne in umido o al vapore con verdure..

Brodi, pancetta, salsicce sono alimenti proibiti. Con pancreatite, maiale, agnello e anatra non sono ammessi. Non importa quanto tu voglia assaggiare una fragrante crosta aromatizzata con spezie, maiale fritto o kebab, una violazione della dieta può portare a conseguenze fatali.

Che tipo di pesce puoi

Il criterio principale per la selezione dei prodotti per la pancreatite è la percentuale di grasso. Il contenuto di grassi superiore all'8% minaccia nausea, vomito, dolore e diarrea.

I pesci meno grassi sono il merluzzo bianco, l'eglefino, il merluzzo e il pesce persico. Questo è seguito da passere, lucci e bottatrici. Un contenuto di grassi leggermente superiore è posseduto da branzino, aringa, sgombro, nasello.

Il pesce moderatamente grasso (8% di grassi) viene introdotto nella fase di remissione in piccole quantità. Questo include salmone rosa, pesce gatto, capelin, carpa, salmone, tonno e orata. Storione, sgombro, halibut, saury, salmone sono considerati varietà estremamente grasse..

Tra i piatti vietati, sono indicati cibo in scatola, frutti di mare, sushi e carni affumicate, piatti con caviale, pesce essiccato.

Si consiglia pesce al vapore o bollito. Permesso di cucinare cotolette al vapore, soufflé, casseruola.

Latticini, cosa scegliere

Prodotti lattiero-caseari fermentati: kefir, ricotta a basso contenuto di grassi, latte cotto fermentato, yogurt fatto in casa - sono considerati una parte indispensabile della dieta in caso di malattia.

Non si beve latte vaccino puro, è consentito usarlo in cucina: porridge, frittata, soufflé, purè di patate. È consentito aggiungere al tè.

Il latte di capra per la pancreatite ripristina il lavoro del pancreas, include molti minerali e macronutrienti. Prima dell'uso, devi bollire.

Ammessa una piccola quantità di burro.

È meglio non comprare yogurt nel negozio. Per vendere un prodotto, i produttori pubblicizzano il prodotto come naturale, peccando contro la verità. Se la composizione contiene addensanti, coloranti, conservanti e altri additivi, non è consigliabile assumere il prodotto..

Non puoi mangiare con la pancreatite: gelato, ricotta grassa, latte condensato, formaggi a pasta dura, cibi con conservanti e altri additivi nocivi.

Sono ammessi tutti i cereali

Il porridge viene consumato come contorno o piatto principale per la colazione. I piatti sono nutrienti, pieni di sostanze essenziali per la salute.

Con la pancreatite, il porridge è utile, ma non qualsiasi. Riso, farina d'avena, semolino e porridge di grano saraceno non sono pericolosi. Pericolosi includono mais, miglio, legumi e orzo, a causa della difficoltà di assimilare i cereali elencati.

È necessario alternare il porridge, non usare quello costantemente selezionato. Quindi il sistema digestivo si abituerà a una varietà di cibi, il corpo assimilerà più nutrienti.

La soluzione ideale per la pancreatite è la farina d'avena, è consentito utilizzarla nei giorni di esacerbazioni. Sono descritti rari casi di eccezioni all'intolleranza individuale, ma la gelatina di farina d'avena affronta la difficoltà, la bevanda menzionata è raccomandata da tutti i medici senza eccezioni. Nei primi giorni di un'esacerbazione, quando non puoi mangiare, ma devi mantenere il corpo in saturazione con sostanze utili, la gelatina di farina d'avena viene in soccorso.

È possibile dolci con pancreatite

Molte persone amano i dolci. Considera come soddisfare i desideri con il mal di stomaco.

Nei giorni di espansione della dieta, è consentito aggiungere dolci al menu, è meglio preparare piatti deliziosi con le proprie mani. Pertanto, il paziente conosce la ricetta dei dolci, è consapevole dell'assenza di conservanti, coloranti e altri additivi artificiali. Durante la preparazione, tieni presente che con pancreatite, cioccolato, panna, latte condensato, alcol e acido citrico sono vietati..

La dieta per la pancreatite pancreatica limita la scelta ai nomi specificati: miele, marmellata, mousse, gelatina, marshmallow, marmellata, soufflé, biscotti secchi, fondente, marshmallow, caramelle come "Lady".

Anche con i dolci consentiti, è necessario ricordare la quantità mangiata. Inizia a introdurlo nella dieta con cautela..

Quali condimenti puoi usare

Quando si vuole condire un piatto, esaltandone il gusto, i condimenti diventano un'aggiunta necessaria al pasto. Con la pancreatite non è possibile utilizzare la maggior parte dei condimenti, nemmeno quelli naturali: cipolle, aglio, rafano..

Non dovresti rifiutarti completamente di portare il sapore originale al piatto. L'opzione consentita sono le verdure: basilico, prezzemolo, aneto, semi di cumino, zafferano. Le erbe contengono una varietà di vitamine, minerali ed effetti antinfiammatori. È consentito aggiungere cannella e vanillina in piccole quantità al cibo.

Cosa puoi bere con la malattia del pancreas

Tra le bevande, il tè dovrebbe essere distinto, i russi bevono spesso, in grandi volumi. Come visitare senza bere una tazza di tè? È consentita una bevanda per la pancreatite. Dovresti bere fino a un litro al giorno. È meglio interrompere la scelta sul tè verde o sul pu-erh cinese. La miscela non dovrebbe includere coloranti e aromi.

Altre bevande per la pancreatite consentite per l'uso:

  • gelatina;
  • bevanda alla frutta;
  • decotto di rosa selvatica, camomilla, aneto;
  • acqua minerale naturale (Borjomi, Essentuki, Narzan);
  • succhi diluiti - mela e zucca.

Caffè, soda, kvas e succhi concentrati vietati.

Bere bevande a base di etanolo in caso di malattia è severamente vietato, anche in fase di remissione della pancreatite cronica. L'alcol provoca spasmi all'interno della ghiandola, gli enzimi all'interno iniziano a digerire l'organo.

In che modo l'esacerbazione della pancreatite influisce sulla nutrizione?

Il primo giorno con un'esacerbazione della pancreatite, riducendo il rischio di complicanze, al paziente non è consentito cibo, solo acqua. A volte il digiuno viene prolungato fino a quando non vengono chiariti i motivi dell'esacerbazione. Il periodo dura 7-14 giorni. Alla fine, il cibo liquido viene iniettato utilizzando tubi speciali direttamente nell'intestino.

Quando la malattia si attenua, la dieta aumenta. Con un'esacerbazione, ora è consentita la scrittura semiliquida, osservando il regime di temperatura (18-37 gradi). La quantità di grasso è ridotta al minimo. I carboidrati diventano la base della nutrizione. Il valore del cibo ogni giorno fino a 500-1000 calorie.

Con un'esacerbazione della pancreatite cronica, la dieta consiste in cereali, purè, composte, gelatina, puree vegetali di zucca, patate, cavolfiore. I pasti vengono consumati 6 volte al giorno.

Alimenti e dieta vietati

Il cibo consentito e dannoso è determinato dal medico. Non puoi, basandoti sul giudizio personale, apportare modifiche alla dieta. Se il paziente desidera modificare la composizione dei pasti nella dieta, è necessario consultare prima il medico curante.

Gli alimenti vietati per la pancreatite sono scarsamente assorbiti. Questo include alcol, caffè, soda, cioccolato, funghi, pasticceria, legumi. Le marinate, fritte, affumicate, piccanti, aspre, grasse dovrebbero essere escluse dalla dieta.

Se non segui la dieta, potrebbero esserci conseguenze sotto forma di sanguinamento, trombosi, ittero, tumori, diabete e danni agli organi. In caso di violazioni particolarmente dolose, si verifica un esito fatale.

Cosa puoi e non puoi mangiare con la pancreatite: un elenco di alimenti

A cosa serve una dieta??

Per molti, la dieta si presenta come un processo debilitante, costringendo in molti modi a negare se stessi. Ad esempio, una dieta per la pancreatite è davvero limitata a molti alimenti, ma allo stesso tempo è equilibrata e non priva l'organismo di nutrienti essenziali (proteine, grassi, carboidrati, vitamine). Al contrario, porta il paziente a una dieta sana e nutriente. Va ricordato che un paziente con pancreatite cronica, anche in fase di remissione (attenuazione dei sintomi), deve seguire una dieta. In caso contrario, il pancreas potrebbe infiammarsi di nuovo, portando a un'esacerbazione della malattia..

Dieta durante un'esacerbazione di pancreatite cronica

La nutrizione durante un inasprimento è la fame e il riposo per 1 - 3 giorni. È consentito bere solo in abbondanza sotto forma di decotto di rosa canina o acqua minerale senza gas (Essentuki n. 17, Naftusya, Slavyanovskaya). Sono ammessi anche tè verde debole o gelatina. Quando il dolore è alleviato, puoi aggiungere una piccola quantità di carne magra bollita, ricotta a basso contenuto di grassi o formaggio e zuppa di brodo vegetale. Principi nutrizionali di base per la pancreatite cronica

  1. La dieta dovrebbe consistere principalmente in cibi proteici. Le proteine ​​sono molto utili per riparare le cellule danneggiate nel pancreas.
  2. I grassi e i carboidrati complessi nel corpo devono presentarsi sotto forma di cereali.
  3. I carboidrati facilmente digeribili (zucchero, marmellata, prodotti da forno, miele) dovrebbero essere limitati.
  4. I pasti dovrebbero essere frazionari (ogni 3 - 4 ore), porzioni medie. Non dovresti mangiare troppo, ma non devi neanche morire di fame..
  5. Il cibo non deve essere caldo o freddo, ma caldo, in modo da non irritare la mucosa del tratto gastrointestinale e non causare un aumento del rilascio di enzimi.
  6. Il cibo deve essere cotto a bagnomaria, bollito o cotto. Si sconsiglia di mangiare cibi fritti, piccanti e in scatola.
  7. Si sconsiglia ai medici di fumare e abusare di alcol nella pancreatite cronica.

Cosa puoi mangiare con la pancreatite?

Gli alimenti consentiti e proibiti sono indicati in una dieta Pevzner appositamente sviluppata (tabella numero 5).

  • I frutti di mare (gamberetti, cozze) sono consentiti in quanto sono ricchi di proteine ​​e molto poveri di grassi e carboidrati. Possono essere consumati bolliti..
  • È consentito il pane di grano di qualità 1 e 2, ma essiccato o il secondo giorno di cottura, è possibile utilizzare anche biscotti crudi.
  • Puoi mangiare verdure in quantità illimitate. Si possono bollire patate, barbabietole, zucca, zucca, cavolfiore, carote e piselli. Puoi preparare purea di verdure, stufati, zuppe, casseruole.
  • I latticini sono sani perché sono ricchi di proteine. Ma il latte nella sua interezza può causare gonfiore o aumento delle feci, quindi non è raccomandato. Può essere aggiunto a porridge o zuppe. Sarà molto utile utilizzare prodotti a base di latte fermentato: kefir, ricotta a basso contenuto di grassi, yogurt magro senza additivi di frutta, latte cotto fermentato, yogurt. Puoi mangiare formaggio a pasta dura, ma non salato, senza spezie e non grasso. Puoi preparare casseruole di ricotta con l'aggiunta di mele.
  • Le uova sono consentite sotto forma di omelette al vapore, puoi aggiungere delle verdure.
  • Semole. Sono ammessi grano saraceno, semolino, riso, farina d'avena, cotti in acqua o nel latte.
  • Olio vegetale e burro (non più di 20 grammi al giorno).
  • La cicoria può essere una buona alternativa per gli amanti del caffè. Inoltre, contiene sostanze utili che stimolano la peristalsi intestinale, abbassano lo zucchero nel sangue.

È possibile mangiare noci e semi con pancreatite?

Noci e semi contengono una grande quantità di proteine ​​e grassi; possono sostituire la carne o il pesce nella composizione. Durante un'esacerbazione di pancreatite cronica, l'uso di questi prodotti non è raccomandato. E durante il periodo di buona salute, cioè remissione stabile, è consentito l'uso delle noci, ma in piccole quantità (3-5 nucleoli al giorno). I semi di girasole non dovrebbero essere mangiati fritti o come kozinaki. Puoi avere una piccola quantità di semi di girasole crudi o sotto forma di halva fatto in casa. Mandorle, pistacchi e arachidi possono essere consumati solo in assenza di reclami, quando non ci sono manifestazioni di pancreatite. Devi iniziare con 1-2 dadi, aumentando gradualmente il loro numero. Le noci possono essere aggiunte a piatti cucinati (cereali, insalate, sformati).

Quali frutti puoi mangiare con la pancreatite?

La frutta cruda non è consigliata. Puoi preparare purea di frutta, bevande alla frutta, casseruole. È consentito mangiare mele cotte, banane, pere. Puoi anche anguria e melone, ma in piccole quantità (1-2 pezzi). Uva, datteri, fichi non sono desiderabili, poiché aumentano la produzione di gas nell'intestino e contengono molto zucchero. Limone, arancia, contenente acido, aumenta la produzione di succo gastrico, che è indesiderabile, poiché la pancreatite cronica è spesso combinata con malattie dello stomaco (gastrite) o del fegato (epatite).

Cosa non mangiare con la pancreatite cronica?

  • Carni grasse (agnello, maiale, anatra). Per digerire tale cibo è necessario un gran numero di enzimi. E il pancreas infiammato funziona in modo limitato.
  • Il manzo e il fegato di pollo sono sconsigliati, in quanto si riferiscono a sostanze estrattive, che portano ad un aumento della produzione di enzimi dell'apparato digerente e all'attivazione dell'appetito.
  • Il pesce grasso (sgombro, salmone, aringa), soprattutto fritto, è severamente vietato. Inoltre, non puoi mangiare pesce in scatola..
  • Le verdure per la pancreatite cronica non dovrebbero essere consumate crude. Le verdure vietate includono cavolo bianco, pomodori, cetrioli, spinaci, cipolle, ravanelli, fagioli. Se consumati in grandi quantità, aumentano il processo di fermentazione nell'intestino, che porta al gonfiore.
  • I funghi non sono consigliati in nessuna forma, né lo sono i brodi di funghi.
  • Uova strapazzate o uova crude. Il tuorlo crudo stimola in particolare la produzione di bile, che è indesiderabile per i pazienti con pancreatite cronica.
  • Si sconsiglia l'uso di miglio e orzo perlato.
  • Carni affumicate, salsicce.
  • Cibo in salamoia, sottaceti, spezie.
  • Tè nero o caffè, cioccolata calda e cacao.

Menu di esempio per un paziente con pancreatite cronica in un periodo di remissione stabile

L'elenco degli alimenti ammessi per la pancreatite è piuttosto ampio. Pertanto, la dieta del paziente dovrebbe avere abbastanza proteine, vitamine, ma la quantità di grassi e carboidrati facilmente digeribili è limitata..

  • Prima colazione (7.00 - 8.00): farina d'avena in acqua o latte, manzo o pollo bollito, tè verde o brodo di rosa canina.
  • Seconda colazione (9.00 - 10.00): una frittata di due uova, una mela al forno senza zucchero e buccia, un bicchiere di cicoria con latte o the.
  • Pranzo (12.00 - 13.00): zuppa con brodo vegetale, pasta o porridge (grano saraceno, riso), soufflé di carne o cotolette al vapore, gelatina di frutti di bosco (lamponi, fragole), composta di frutta secca.
  • Spuntino pomeridiano (16.00 - 17.00): ricotta senza panna acida o sformato di ricotta con frutta (mele, pere, banane), tè o succo di frutta.
  • Cena (19.00 - 20.00): filetto di pesce o cotoletta al vapore, tè verde o composta.
  • Di notte, puoi bere un bicchiere di kefir con biscotti scomodi.

Dieta per pancreatite pancreatica: regole, menu, elenco dei prodotti

La pancreatite del pancreas è una malattia che altera in modo significativo la qualità della vita. Una parte importante del trattamento adeguato è una dieta speciale. Come i medici raccomandano di mangiare con la pancreatite - leggi nel nostro materiale.

Il pancreas produce enzimi che sono coinvolti nella scomposizione dei nutrienti dal cibo. Con la pancreatite, la ghiandola si infiamma e gli alimenti pesanti e grassi la espongono a un carico insopportabile. Per un trattamento efficace, è necessario seguire una dieta per ripristinare la funzione pancreatica.

Dieta per pancreatite pancreatica: regole

L'infiammazione del pancreas può essere cronica o acuta. Nella malattia cronica, viene mostrata la tabella di Pevzner n. 5 p, o meglio, la sua versione speciale è n. 5 p. La dieta con esacerbazione della pancreatite del pancreas prevede restrizioni più rigorose (fino al digiuno o alla somministrazione endovenosa di sostanze nutritive) per alleviare la condizione il più rapidamente possibile. Non appena i sintomi acuti vengono rimossi, il paziente deve essere trasferito a una dieta completa ma parsimoniosa..

  1. È necessario osservare pasti frazionari - 5-6 volte al giorno in piccole porzioni.
  2. Si consiglia di bollire o cuocere il cibo.
  3. Indicato l'uso di purea di piatti. Se la condizione migliora, puoi passare al cibo non pulito..
  4. Il menu dovrebbe contenere circa 200 g di proteine ​​animali. La quantità di grasso è limitata a 50 g al giorno.
  5. Il consumo di zucchero non deve superare i 30-40 g al giorno.
  6. I carboidrati possono essere consumati fino a 350 g al giorno.
  7. Il sale è limitato a 3-5 grammi al giorno.

Dieta per pancreatite: un elenco di alimenti

Se segui la dieta numero 5 p, i grassi animali sono esclusi. È consentito consumare non più di 25 g di burro o oli vegetali al giorno. Non puoi mangiare frutta e verdura acide, altri cibi ricchi di fibre, fast food, cibi fritti, grassi, piccanti, dolci e pasticcini. Ecco un elenco dettagliato di cibi proibiti in una dieta per l'infiammazione del pancreas:

Alimenti vietati e consentiti per la pancreatite: come formare un menu?

I gastroenterologi della nutrizione dietetica danno un posto significativo nel trattamento della pancreatite. Il pancreas ha bisogno di un "riavvio", e questo può essere fatto solo risparmiando il più possibile gli organi del tratto digerente.

Pertanto, è molto importante conoscere le sfumature della corretta organizzazione della dieta e non utilizzare cibi proibiti con pancreatite.

Principi generali di dieta per la pancreatite

L'organizzazione di una corretta alimentazione per un pancreas problematico consiste in semplici regole:

  1. Il cibo viene lavorato meccanicamente. Tutti i prodotti solidi sono ben cotti, tritati, asciugati.
  2. Il cibo viene preparato solo bollendo, cuocendo a vapore o in un multicooker. È inaccettabile friggere qualcosa, fumare, asciugare, salare, conservare.
  3. È vietato mangiare troppo. Lo stomaco viene caricato in piccole porzioni, ma regolarmente. La dieta ideale è mangiare ogni 3-4 ore e 2 ore prima di andare a dormire - concediti solo un bicchiere d'acqua o un infuso di erbe.
  4. Tutti i prodotti devono essere freschi. Frutta e verdura sono mature. Carne - non scongelata. Latte - non l'ultimo giorno nel tempo di produzione specificato.
  5. Il cibo viene assunto alla temperatura ottimale - non più di 50 ° C, ma non inferiore a 20 ° C. Non puoi mangiare direttamente "al caldo del caldo" o cibo raffreddato.

Dovrai rinunciare risolutamente alle cattive abitudini. Non si tratta solo di nicotina o bevande alcoliche (sono fuori discussione in caso di malattie del pancreas). Devi riconsiderare le tue tendenze per gli snack caotici - in fuga, cibo secco o guardando la notte.

Cosa non mangiare con la pancreatite: cibi proibiti

Alcuni prodotti possono avere una doppia "reputazione". Ad esempio, la ricotta a basso contenuto di grassi o il kefir all'1% sono alimenti dietetici apparentemente ideali. Ma con la gastrite con maggiore acidità, il latte può danneggiare. È possibile o impossibile per un particolare prodotto, spesso dipende dal periodo della malattia (remissione, convulsioni, decorso cronico) o malattie concomitanti.

Tuttavia, esiste un elenco di cibi e piatti che non possono assolutamente essere mangiati con alcuna forma di pancreatite:

  • Tutti i prodotti da forno freschi, tutti i tipi di torte, pasticcini, focacce.
  • Prodotti di cioccolato, caramello, latte condensato, gelato, noci, fichi, albicocche secche.
  • Tutti i legumi.
  • Sono esclusi i tipi di primi piatti ricchi di grassi: borsch, sottaceti, zuppa di funghi. Sono vietati anche i piatti freddi: barbabietola o okroshka.
  • Devi dimenticare pesce grasso, pollame e carne, soprattutto maiale e agnello. Sono escluse tutte le salsicce affumicate, i cibi in scatola e il pesce essiccato.
  • Non mangiare uova fritte e sode per la pancreatite.
  • Panna acida, yogurt, margarina, latte grasso, ricotta e burro vengono rimossi dai latticini.
  • Il porridge non è cotto da orzo perlato e miglio.
  • Dalle verdure: dimentica ravanelli, cavoli, peperoni, spinaci, cipolle e aglio.

Naturalmente, qualsiasi fast food e cibo piccante è vietato. Tabù su succhi di caffè, soda, uva e pompelmo.

Cosa puoi mangiare con la pancreatite: un elenco di alimenti

Nonostante l'impressionante elenco di cibi proibiti, c'è ancora molto spazio per una buona alimentazione, anche con la pancreatite.

Prodotti di farinaPane di ieri (preferenza - integrale, segale, grano), cracker fatti in casa, essiccazione, biscotti, fette biscottate. Durante i periodi di remissione - tagliatelle e spaghetti (fino a 170 grammi per porzione).
CerealiRiso, grano saraceno, farina d'avena, semolino.
Tipi di verdure ed erbe aromaticheDalle verdure, scegli patate, zucca, barbabietole, carote, melanzane, zucchine. Puoi aggiungere 1 cucchiaio al giorno. l. sedano tritato, prezzemolo e aneto.
Pasti di pescePuoi mangiare la polpa delle varietà con il minor contenuto di grassi (nasello, merluzzo, lucioperca), bollita o cotta in un multicooker. Polpette di pesce e brodi.
Frutti di mareAlga marina.
Menù di carnePer la preparazione di brodi, cotolette al vapore e polpette si predilige pollo, coniglio, tacchino, vitello magro.
Latte fermentatoIl kefir, la ricotta a basso contenuto di grassi, il formaggio non sono vietati con acidità di stomaco normale o bassa.
UovaPollo al vapore e uova di quaglia.
OlioRaffinati semi di girasole, oliva, lino, zucca. In remissione stabile - cremoso (non più di 30 grammi al giorno).
FruttaBanane, mele cotte.
Prodotti per l'apicolturaMiele, propoli, pappa reale.
SpeziaSesamo, finocchio, cumino, curcuma, chiodi di garofano.

Quali verdure puoi mangiare

Non puoi aver paura di mangiare patate, carote, barbabietole. Zucchine e zucca sono anche considerate verdure non pesanti per pancreatite e gastrite. Se l'acidità dello stomaco non è aumentata, è consentito il cavolfiore.

Dovrai sicuramente rinunciare alle seguenti verdure e tipi di verdure:

  • pepe (bulgaro, insalata, piccante);
  • daikon e ravanello;
  • aglio e cipolle (cipolle e verde);
  • acetosa e lattuga;
  • rabarbaro e rafano.

Durante i periodi di remissione, con molta cura, concediti piccole porzioni di pomodori e cetrioli. Ovviamente bisogna essere sicuri che le verdure non siano ripiene di nitrati e non siano state conservate a lungo nei magazzini. È meglio acquistare le verdure dai mercati del villaggio durante la stagione appropriata.

Quali frutti o bacche puoi mangiare

Con una malattia del pancreas, puoi mangiare:

  1. Mele non acide e pere mature. Meglio di tutti: al forno, purè. La pelle e il nucleo vengono rimossi. Le composte di frutta secca con dolcificanti (sorbitolo o xilitolo) sono buone.
  2. Banane. Già 5-7 giorni dopo l'esacerbazione.

Decotti di rosa canina essiccata e ribes nero sono molto curativi.

Composte, gelatina o gelatina sono utili da mirtilli rossi freschi, aronia, ciliegia di uccello e mirtillo. Una controindicazione per queste bacche è solo una tendenza alla stitichezza..

Nei giorni di remissione prolungata, puoi coccolarti con:

  • melone maturo e polpa di avocado;
  • una fetta di ananas;
  • qualche fetta di mandarino (senza pellicola).

Non puoi pompelmo, pomelo, arancia. Questi agrumi sono altamente acidi.

È meglio escludere del tutto uva, prugne e albicocche..

Lamponi e fragole sono vietati a causa dei loro semi duri e della maggiore dolcezza. Lo stesso vale per il ribes nero fresco. Queste bacche possono essere aggiunte al di fuori dei periodi di esacerbazione della pancreatite.

Cosa puoi mangiare dalla carne

La dieta per pancreatite e colecistite non esclude piatti a base di uccelli: pollo, tacchino, fagiano, anatra. La carne si mangia ben cotta e schiacciata. È importante rimuovere tutte le pellicole, grasso visibile, cartilagine e tendini prima della cottura.

Nella fase di remissione il menù di carne si diversifica con carne di vitello magro e coniglio. Puoi far bollire lo stomaco e il fegato di pollo. Ma solo quando non ci sono sintomi dispeptici, soprattutto diarrea.

Di questi tipi di carne vengono fatte polpette, cotolette al vapore, casseruole con semolino. I secondi brodi bolliti sono usati come base per le zuppe di purea di verdure.

Con una dinamica positiva nel ripristino del pancreas, i nutrizionisti possono integrare la dieta con lingua di manzo bollita e salsiccia del dottore del latte (senza spezie e conservanti).

Inutile dire che la carne non può essere fritta, affumicata, marinata con cipolle o peperoni..

Che tipo di pesce puoi

Dal pesce di fiume e di mare, sono consentite varietà con contenuto di grassi fino al 4%:

  • il più basso contenuto di grassi (meno dell'1%) in persico reale, navaga, merluzzo bianco, merluzzo bianco, melù;
  • i pesci con un contenuto di grassi del 2% includono il triotto, la triglia, il luccio, la passera, la lampreda e il pesce bianco;
  • non più del 4% del grasso è contenuto nella spigola, nel nasello, nella scardola, nell'aringa e nella carpa.

I pesci più grassi come il pesce gatto, la carpa, il tonno, il salmone rosa, l'acciuga e il capelin sono ammessi solo in remissione..

Il pesce dovrebbe essere fresco e conservato nel ghiaccio. Il congelamento può essere giudicato dalla tinta giallastra sulla pancia..

Per i piatti, utilizzare il filetto, privo di pelle e ossa. Il primo mese dopo un attacco acuto, il pesce viene somministrato in forma macinata. Da esso vengono preparate cotolette di vapore, aggiunte a budini di verdure.

latte

È severamente vietato alla pancreatite consumare latte condensato, yogurt, gelato, formaggio lavorato o affumicato.

Si sconsiglia di assumere latte fatto in casa che non abbia subito particolari lavorazioni e pastorizzazione.

Quando si sceglie un prodotto lattiero-caseario in un negozio, è necessario esaminare attentamente la composizione per l'assenza di additivi. Assicurati di prestare attenzione alla data di produzione e alla percentuale di grasso.

Il latte viene introdotto nella dieta non prima della seconda settimana dopo un attacco acuto del pancreas. Iniziano con l'1% di kefir. Quindi possono aggiungere 50 ml di latte all'1,5% o 5-10 g di burro non salato al porridge.

La remissione e l'assenza di gastriti ad alta acidità consentono di aggiungere al menu varietà a basso contenuto di grassi di formaggi a pasta dura e ricotta.

Cereali

I più sicuri per il tratto digerente sono il riso e il grano saraceno. Sono bolliti in un bagno di vapore o in una pentola a cottura lenta. La farina di riso o di grano saraceno viene utilizzata come componente per gallette di pesce, passati di verdure, nella preparazione del pane casereccio.

Dopo il riso e il grano saraceno, viene introdotta nella dieta la semola. Il porridge viene bollito in acqua o utilizzato in budini di cagliata e frutta cotti in una pentola a cottura lenta.

Per una varietà di menu di remissione, puoi mangiare porridge di grano e farina d'avena. Per digerire completamente e facilitare il loro assorbimento da parte dello stomaco, i cereali vengono pre-ammollati per un'ora o due.

In alcuni casi, i nutrizionisti consentono questi cereali subito dopo la pancreatite acuta. Le proprietà astringenti dell'avena ripristinano bene la mucosa gastrica dopo recidive di gastrite, colecistite e altre malattie gastrointestinali.

Dolci e pancreatite

Il saccarosio naturale si trova in quantità sufficienti nella frutta e nelle bacche. Degli ingredienti consentiti, la gelatina, le composte vengono cotte, i decotti, i budini, le casseruole.

Addolcisce la vita delle persone che soffrono di pancreatite, miele e prodotti delle api. Non solo diversificano deliziosamente tisane e pane, ma hanno anche un effetto benefico sul tratto digestivo..

I biscotti essiccati o biscotti sono adatti al tè o al kefir. Devono essere selezionati nei reparti dietetici dei negozi e la composizione sulla confezione dovrebbe essere controllata.

Nella fase di remissione della pancreatite, i nutrizionisti consentono la meringa (soufflé proteico). È meglio cucinarlo da solo montando le proteine ​​con un dolcificante e asciugandolo in forno a bassa temperatura..

In nessun caso vengono utilizzati latte condensato, gelato, fichi, cioccolato e pasticcini. Un alto contenuto di zuccheri e grassi causerà pancreatite acuta e complicazioni.

Condimenti

Spezie ed erbe aromatiche migliorano notevolmente il gusto del cibo. La dieta per la pancreatite non proibisce l'uso di alcuni tipi di condimenti:

  • cannella, curcuma e chiodi di garofano;
  • semi di sesamo e lino;
  • prezzemolo e aneto (essiccati o freschi);
  • Erbe e finocchi provenzali.

Aggiungere con attenzione il coriandolo, il basilico e la menta al menu. Dopo alcuni mesi di trattamento efficace della pancreatite, la foglia di alloro viene aggiunta alle zuppe.

Resta un divieto rigoroso in tutte le fasi della pancreatite su rafano, senape, aglio, cipolle e aceto. È severamente vietato mangiare verdure con un alto livello di acido: lattuga, acetosa, cipolle verdi e aglio, spinaci.

Dieta per pancreatite acuta

La dieta per l'infiammazione acuta del pancreas comporta una transizione graduale dalla fame a una tabella numero 5 espansa:

  1. Il primo giorno, i nutrienti entrano nel corpo esclusivamente per via parenterale. Se è stato possibile fermare la nausea e il vomito, danno da bere liquidi a temperatura ambiente - acqua pulita, brodo di rosa canina, tè non zuccherato - non più di 150 ml ogni 4 ore.
  2. Nei giorni 2-3, puoi già prendere cibo liquido caldo omogeneo: porridge viscido, zuppa di purea, gelatina di bacche con dolcificante. Pasti durante questo periodo - porzioni piccole e frequenti, ogni 3 ore.
  3. Dopo circa una settimana il menù si diversifica con composta, purea di frutta, zuppa in brodo con verdure grattugiate, frittata al vapore, kefir 1%, ricotta magro, mele al forno, carne al vapore e cotolette di pesce.
  4. Un mese dopo un attacco acuto, è già sicuro mangiare cibo senza pulirlo accuratamente durante la cottura. Piccoli pezzi di frutta fresca, filetti di carne bolliti, pesce, pollame e il pane di ieri vengono masticati a fondo durante il pasto. Le monoporzioni diventano più grandi, fino a 600 g.

Tutti i nuovi ingredienti vengono introdotti gradualmente, non più di uno al giorno.

La necessità di seguire una dieta

Una dieta competente e una disciplina del paziente sono la base per il trattamento di successo della pancreatite. Una dieta rigorosa dovrà essere seguita per molti mesi. Ma, se hai pazienza, è questo percorso che ti dà la possibilità di ripristinare il pieno funzionamento del pancreas e persino curare per sempre la pancreatite.

La nutrizione dietetica è l'aspetto principale nella complessa terapia della pancreatite. Senza questo, è impossibile fermare l'intossicazione del corpo con enzimi pancreatici. Una pausa nel lavoro del tratto gastrointestinale e il conseguente regime di risparmio danno il tempo di fermare i processi patologici, impedire che il succo pancreatico inizi a digerire il pancreas stesso e portare a processi irreversibili nei tessuti.

Conseguenze del mancato rispetto della dieta

La pancreatite si sviluppa facilmente in un'ulcera allo stomaco, poiché il sanguinamento si apre nella mucosa danneggiata. E a causa del fatto che il deflusso della bile è compromesso, il fegato è colpito e c'è il rischio di epatite.

Il rifiuto di seguire la dieta è irto di altre gravi complicazioni con lo sviluppo di malattie concomitanti:

  • ostruzione del duodeno;
  • gastrite;
  • colecistite;
  • duodenite;
  • glb (malattia dei calcoli biliari);
  • trombosi della vena splenica;
  • formazione di cisti e tumori maligni.

Inoltre, il diabete è un compagno frequente della pancreatite cronica. Il pancreas è responsabile della produzione di enzimi per la digestione del cibo e dell'insulina, necessari per la degradazione del saccarosio. Solo la stretta aderenza a tutte le istruzioni del dietologo fermerà i cambiamenti patologici nella fermentazione pancreatica.

Menu di esempio per una settimana

Ogni settimana, è possibile creare combinazioni dietetiche con cibi consentiti. Il menù può variare. Non importa se vuoi mangiare un piatto che di solito viene mangiato a colazione durante uno spuntino pomeridiano..

È più importante assicurarsi che la dieta quotidiana sia la più varia possibile. Cioè, se qualche latticino era già presente a colazione, scelgono qualcos'altro per uno spuntino pomeridiano..

Opzioni per la colazione:

  • farina d'avena in acqua o latte (a seconda del permesso del medico curante) con tè;
  • frittata (massimo 2 uova), una fetta di pane nero, frutta secca uzvar;
  • budino di ricotta e semolino, cotto a cottura lenta, con tisana;
  • porridge di latte di riso e tè nero debole con miele;
  • biscotti al formaggio con mele al forno, composta di frutti di bosco;
  • decotto di farina d'avena e ribes nero;
  • Greekano - casseruola di carote, una fetta di pane di ieri con miele e tè verde.

Uno spuntino leggero sotto forma di seconda colazione può consistere in:

  • Banana;
  • mela al forno con miele;
  • gelatina di bacche;
  • Gelatina di mela;
  • mousse di frutta;
  • mousse di verdure;
  • tè con pane.

Piatti Pranzo:

  • zuppa di verdure, filetto di pollo al vapore, composta;
  • zuppa di purea di carote e zucca, filetto di pesce al vapore, brodo di rosa canina;
  • brodo di pollo con cracker, insalata di carote o barbabietole bollite, tè verde;
  • zuppa con filetto di tacchino e grano saraceno, purea di zucca, raccolta di erbe;
  • zuppa di pesce, riso con carote bollite, mix di verdure;
  • zuppa di riso con brodo di pollo alle erbe, polpette, composta di frutta secca;
  • zuppa di barbabietole, purè di patate, gallette di pesce, tè nero.

Variazioni per il tè pomeridiano:

  • un bicchiere di kefir con biscotti biscottati;
  • pappe (ad esempio, un vasetto di purea di frutta);
  • tè con latte e cracker;
  • Banana;
  • salsa di mele con miele;
  • bacche e gelatina di frutta;
  • frittata al vapore.

Menu di esempio per le cene:

  • spezzatino di zucchine, patate al forno, tè con uno spicchio di limone;
  • cotolette al vapore di carne o pollame, barbabietole bollite grattugiate, brodo di rosa canina;
  • ricotta a basso contenuto di grassi con miele, gelatina di frutti di bosco;
  • filetto di pesce, purea di verdure, tè verde;
  • purea di zucca e carote, essiccazione, acqua minerale naturale;
  • involtino di carne di vitello magro al vapore con verdure, tisana;
  • grano saraceno con carota e sugo di carne (lessare le carote con polpettine), un decotto di frutti di ribes nero essiccati.

Due ore prima di andare a dormire, non puoi più mangiare nulla. Ma un'ora prima che le luci si spengano, puoi bere una sorta di bevanda curativa. Può essere un bicchiere di infuso di erbe o decotto di rosa canina.