Nove cause di nausea dopo aver mangiato

Nutrizione

Un sintomo come la nausea dopo aver mangiato non è una malattia separata, nella maggior parte dei casi segnala disturbi acuti o cronici nel buon funzionamento del corpo umano. Gli attacchi di nausea vanno da lievi e si risolvono rapidamente a strazianti, debilitanti, con conseguente vomito indomabile.

Per fare una diagnosi corretta, è necessario analizzare i sintomi di accompagnamento, condurre studi di laboratorio e strumentali. Tutte queste manipolazioni vengono eseguite da un medico in un istituto medico. Le informazioni fornite nell'articolo non costituiscono motivo di autodiagnosi e automedicazione, ma sono fornite a scopo informativo.

Cause di nausea

La nausea può essere causata da malattie gastrointestinali.

La nausea può verificarsi, sia come sintomo di una malattia, sia in determinate condizioni che non possono essere chiamate malattia. Le principali cause di nausea dopo aver mangiato possono essere:

  • Malattie del tratto gastrointestinale (gastrite, ulcera gastrica e 12 ulcera duodenale, duodenite, pancreatite, colecistite).
  • Problemi con l'apparato vestibolare.
  • Tossicosi della gravidanza.
  • Avvelenamento da prodotti di bassa qualità, infezione intestinale.
  • Effetti collaterali, overdose di droga.
  • Lo sviluppo del cancro.
  • Infestazione da vermi.
  • Alimentazione inadeguata (eccesso di cibo, predominanza nella direzione di cibi grassi o dolci, passione per le diete, digiuno).
  • Scoppi emotivi, forte stress.
  • Reazione allergica a determinati alimenti.

Ci sono molte altre cause di nausea, ma la maggior parte di esse è indipendente dall'assunzione di cibo. Questo può essere emicrania, un attacco di appendicite, commozione cerebrale, preinfarto, ipertensione, disidratazione, calore e colpo di sole, ecc..

In caso di nausea a causa di problemi gastrointestinali

In caso di dolore addominale, è necessario contattare un gastroenterologo.

Il ruolo principale nei sintomi della nausea dopo aver mangiato è occupato dalle malattie gastrointestinali. Con la gastrite e l'ulcera peptica, la sensazione di nausea è unita a pesantezza e sensazione di pienezza dopo aver mangiato. Nella regione epigastrica si verifica una sensazione di bruciore, che si avverte sia dopo aver mangiato che a stomaco vuoto..

Se esiste il sospetto di una tale patologia, il gastroenterologo prescriverà test di laboratorio per il famigerato Helicobacter pylori, esami del sangue generali e biochimici. Avrai sicuramente bisogno della gastroscopia, che è il metodo diagnostico più informativo oggi..

La nausea associata a una malattia come la colecistite (infiammazione della cistifellea) o alla discinesia può essere combinata con dolore nell'ipocondrio destro, comparsa di amarezza o sapore metallico in bocca e flatulenza. La nausea spiacevole appare non solo dopo aver mangiato, ma anche durante i pasti. Il chiarimento della diagnosi viene effettuato con un'ecografia della cistifellea e del fegato, il trattamento può essere sia farmacologico che chirurgico.

Se la causa della nausea è la gastroduodenite, ci sono ulteriori sintomi come eruttazione, bruciore di stomaco, sensazione di nodo alla gola, dolore allo stomaco. La nausea dopo aver mangiato si avverte principalmente la sera e al mattino, al contrario, si manifesta a stomaco vuoto. Per fermare questa condizione, bisogna rivedere la dieta (caffè, cioccolato, bevande gassate, cibi piccanti e grassi sono esclusi), la dieta, sottoporsi a terapie farmacologiche volte a normalizzare l'equilibrio acido e migliorare la motilità di stomaco e intestino.

Pancreatite: attenzione al pancreas

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata a tale patologia, accompagnata da nausea dopo aver mangiato, come la pancreatite. È accompagnato da gonfiore, dolore acuto alla cintura che si irradia alla schiena e all'ipocondrio destro, disturbi intestinali e forte perdita di peso. La diagnosi di questa patologia può essere fatta in base ai risultati degli ultrasuoni e ai test di laboratorio per lo zucchero, alla presenza di enzimi, alla definizione del processo infiammatorio. Il trattamento della pancreatite è associato a una dieta lunga, terapia farmacologica con farmaci enzimatici e antinfiammatori.

O forse è avvelenamento o infezione intestinale?

In caso di avvelenamento, una persona si sente debole, febbre.

In questo caso, il vomito inizia poco dopo l'ingestione di cibo di scarsa qualità, questo processo termina sempre con il vomito. Pertanto, il corpo cerca di liberarsi dalla fonte di intossicazione, aggiungendo diarrea a nausea e vomito..

Le tossine causano debolezza, mal di testa, febbre. Lo stomaco fa male allo stomaco e all'intestino, dopo 1-2 giorni aumentano i sintomi di disidratazione:

  1. Sete
  2. Pelle secca e mucose
  3. Vertigini
  4. Minzione rara
  5. Perdita di peso, aspetto scarno

Se induci il vomito dopo i primi attacchi di nausea, puoi evitare la maggior parte di questi sintomi eliminando la fonte dell'avvelenamento. È imperativo assumere assorbenti (Polyphepan, carbone attivo), bere molti liquidi. Se la condizione peggiora e nei bambini, anche se compaiono i sintomi iniziali, assicurati di consultare un medico. Con un'infezione intestinale, il vomito può diventare indomabile, la bile appare in esso e si avvertono vertigini.

Nausea durante la gravidanza

La nausea durante la gravidanza può essere causata dalla tossicosi.

La tossicosi precoce e tardiva della gravidanza può essere accompagnata da nausea. Questo sintomo è presente per un breve periodo, appare più spesso al mattino o è accompagnato da un rifiuto selettivo di alcuni odori (ad esempio, l'odore del brodo di carne).

Molto raramente, un tale sintomo accompagna la gravidanza per molti mesi, in questi casi è necessario effettuare un trattamento ospedaliero per evitare la comparsa di patologie nel feto. Puoi far fronte alla tossicosi precoce se al mattino, senza alzarti dal letto, fai colazione con una piccola quantità di frutta o noci, bevi tè alla menta e cracker..

La tossicosi tardiva, o gestosi, è una condizione più pericolosa della tossicosi precoce. Con la preeclampsia, la nausea e il vomito sono accompagnati da edema, aumento della pressione, "mosche" lampeggianti davanti agli occhi. Ciò indica un danno al sistema nervoso e urinario, che può provocare uno stato di eclampsia e persino una minaccia per la vita della madre e del bambino. Ecco perché in nessun caso tali sintomi dovrebbero essere ignorati nella tarda gravidanza..

Effetti collaterali dei farmaci

La nausea può essere un effetto collaterale dell'assunzione di antibiotici.

Sfortunatamente, a volte l'assunzione di farmaci salvavita può essere accompagnata da effetti collaterali sotto forma di nausea. Molto spesso, si tratta di farmaci di gruppi farmaceutici come:

  • Vitamine
  • Antidepressivi
  • Antibiotici
  • Preparazioni di ferro
  • Farmaci anti-influenzali
  • Farmaci antinfiammatori

Per ridurre al minimo il disagio, è necessario osservare attentamente il dosaggio, il metodo di applicazione, le condizioni di conservazione e la durata di conservazione dei farmaci.

Disfunzione vestibolare come causa di nausea dopo aver mangiato

La cinetosi può verificarsi a causa di problemi con l'apparato vestibolare.

Il "mal di mare" accompagna non solo i passeggeri dei transatlantici, ma anche i viaggiatori sugli aerei e sui trasporti stradali, soprattutto se in cabina fa caldo e soffocante, ei passeggeri hanno mangiato a sufficienza prima del viaggio.

La causa di questa condizione sono problemi con l'apparato vestibolare. Molto spesso si verificano nei bambini, continuando fino alla fine della pubertà, ma a volte compaiono anche in età adulta, essendo una caratteristica congenita del corpo.

In questo caso, la nausea può essere prevenuta assumendo farmaci di tipo Aeromore prima del viaggio, cercando di sedersi per guardare avanti, non mangiando prima del viaggio. Succhiare una fetta di limone o un pezzo di radice di zenzero, che si consiglia di tenere sotto la lingua, è considerato efficace..

Problemi alimentari

Gli attacchi di nausea possono verificarsi dal fatto che le pause tra i pasti sono irragionevolmente lunghe e c'è una sensazione di fame. Se mangi qualcosa di dolce a stomaco vuoto, la nausea potrebbe non fermarsi, ma intensificarsi ancora di più. Le stesse sensazioni si possono ottenere dall'eccesso di cibo e dal consumo eccessivo di dolci e prodotti da forno..

Gli aderenti a diete estreme nella loro ricerca per perdere peso in eccesso possono arrivare agli estremi, riducendo le porzioni al minimo o trascorrendo giorni di digiuno senza cibo. Il metodo più ottimale sono pasti frazionati in piccole porzioni, giorni di digiuno sotto la guida di un nutrizionista.

Su nausea e vomito in dettaglio nel seguente video:

Gli elminti possono anche farti ammalare

La causa della nausea può essere la presenza di vermi nel corpo..

Un altro delicato problema di nausea dopo aver mangiato può essere la presenza di vermi. La migliore soluzione in questo caso potrebbe essere contattare uno specialista in malattie infettive, condurre test di laboratorio e seguire le raccomandazioni del medico.

L'automedicazione incontrollata in questo caso può portare a complicazioni. L'invasione da elminti può essere mascherata da malattie gastrointestinali, malattie respiratorie acute. Ulteriori sintomi oltre alla nausea possono includere:

  • Gonfiore
  • Feci molli
  • Mal di stomaco
  • Prurito all'ano la sera
  • Anemia
  • Condizioni nevrotiche

La diagnosi di una tale patologia è molto difficile, anche un'analisi di cinque volte delle feci può essere negativa con evidente invasione elmintica a causa delle peculiarità della riproduzione degli elminti. Un sintomo come la nausea dopo aver mangiato richiede un'attenta diagnosi, in quanto può essere un segno di malattie molto pericolose. Quando appare, è necessario consultare uno specialista e condurre le ricerche necessarie.

Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per comunicarcelo.

Perché ci si sente male dopo aver mangiato? (8 immagini)

La natura dei sintomi

La caratteristica principale della nausea dopo aver mangiato è una sensazione di pesantezza allo stomaco, che si estende fino alla gola, che può essere accompagnata da vomito e persino vomito. La nausea riflessa è caratteristica dell'irritazione dell'apparato digerente..

Per tossici, solitamente accompagnati da mal di testa, debolezza e letargia, anche il vomito è caratteristico. In questo modo, il corpo cerca di liberarsi delle tossine. La nausea tossica si verifica spesso dopo l'assunzione di determinati farmaci e può essere accompagnata da brividi, pallore della pelle, aumento della salivazione e oscuramento degli occhi.

TOP 10 cause di nausea dopo aver mangiato

Per eliminare la causa, devi capire esattamente perché ti senti male dopo aver mangiato, poiché la scelta delle misure di emergenza e della terapia dipende da questo. È importante capire che questa condizione non è sempre causata da problemi al tratto gastrointestinale. Le cause possono essere correlate a ormoni, nervi, cuore e vasi sanguigni e altro ancora. Alcuni dei problemi più comuni che causano nausea dopo aver mangiato includono:

  1. Pancreatite Un disturbo molto comune nella società moderna. Si verifica in persone di qualsiasi età. È caratterizzato da una sensazione di pesantezza dopo aver mangiato, soffocamento, gonfiore, letargia, debolezza, dolore doloroso nell'ipocondrio destro. La malattia richiede un esame da parte di un gastroenterologo.
  2. Problemi alla cistifellea. Con difficoltà con questo organo, la nausea si verifica già nella fase del mangiare. Lo stomaco sembra gonfiarsi, c'è un dolore doloroso nell'ipocondrio destro. La condizione è spesso accompagnata da bruciore di stomaco e eruttazione spiacevole. Può essere provocato da infiammazioni e calcoli. Il trattamento è prescritto solo dopo un esame completo, incluso un esame ecografico obbligatorio..
  3. Appendicite. Con l'infiammazione dell'appendice del cieco, accompagnata da febbre, forte dolore, vomito, dovresti immediatamente cercare aiuto da un istituto medico, poiché il ritardo e i tentativi di far fronte alla situazione da soli possono aggravare il problema e causare complicazioni.
  4. Gastrite o ulcera. Una spiacevole sensazione di scoppio nell'addome, nausea, crampi, bruciore e dolore possono segnalare un'ulcera peptica. Con una serie di tali sintomi, è necessario correre da un gastroenterologo, che prescriverà un esame completo, inclusi gli ultrasuoni, e fisserà un appuntamento efficace.
  5. Infezione intestinale. Dolore acuto e in rapido aumento, accompagnato da attacchi di nausea e vomito, segnala l'avvelenamento e l'inizio di intossicazione. È necessario prendere un assorbente (polysorb o carbone attivo) e in nessun caso trattenere il vomito. Se la temperatura aumenta, brividi e vertigini, chiama immediatamente un'ambulanza.
  6. Problemi con l'apparato vestibolare. Le vertigini, accompagnate da nausea, possono verificarsi con un improvviso cambiamento di posizione del corpo, postura, sollevamento o piegamento. Se la condizione è accompagnata da uno squilibrio, sfocatura della vista, non dovresti ritardare la visita da un medico.
  7. Malattie del sistema cardiovascolare. Quando la nausea dopo aver mangiato è accompagnata da pallore, difficoltà respiratorie, sensazione di mancanza d'aria, non dovresti ritardare ad andare in clinica. Ed è meglio chiamare subito un medico a casa, perché nella società moderna, un infarto allettato si è "ringiovanito" già prima dei 20 anni..
  8. Malattie della tiroide. Nausea lieve e persistente, scarso appetito, sonnolenza e letargia segnalano problemi alla tiroide. Non vale la pena ritardare la visita dall'endocrinologo, poiché l'ipotiroidismo è più facile da trattare nella fase iniziale.
  9. Ipertensione. La pressione alta può anche essere accompagnata da nausea dopo colazione o pranzo. Se, contemporaneamente a questo sintomo, si osservano mal di testa, debolezza, sonnolenza, si verifica edema, è necessario consultare un terapista o un cardiologo. Non c'è niente di sbagliato in questo, ora molte persone assumono costantemente farmaci per normalizzare la pressione sanguigna.
  10. Tossicosi. Questa è una causa indipendente causata dalla gravidanza. Le gestanti in attesa della nascita di un bambino spesso attraversano un periodo difficile, accompagnato da nausea, vertigini e vomito. Non esiste una terapia speciale per la tossicosi, puoi alleviare la nausea solo con la digitopressione e le infusioni di erbe.

Altre probabili cause di nausea dopo aver mangiato

Altre condizioni possono causare nausea dopo aver mangiato e non solo. Quindi, questo è un sintomo caratteristico di una commozione cerebrale. Mangiare cibi troppo grassi, pesanti e ipercalorici e mangiare troppo può provocare nausea. Dovrebbe esserci una media aurea in tutto. Questa regola si applica anche alle dimensioni delle porzioni. Per ridurre la fame, puoi bere un bicchiere d'acqua 30 minuti prima dei pasti..

Anche un aumento dello stress psicoemotivo e situazioni stressanti regolari possono causare nausea. La psicosomatica di per sé provoca spesso vari disturbi. E l'eccitabilità nervosa eccessiva può causare irritazione dell'esofago e nausea spiacevole..

La nausea dopo aver mangiato può anche essere un effetto collaterale di vari farmaci: antibiotici, complessi vitaminici, integratori di ferro. Quando lo si accetta, è necessario contattare lo specialista che ha preso l'appuntamento per correggerlo.

I parassiti possono anche causare nausea. L'infestazione da vermi si osserva più spesso nei bambini che vengono infettati da oggetti contaminati e dal contatto con animali. Se il bambino lamenta nausea, diventa debole e letargico, è necessario contattare immediatamente il pediatra.

Una maggiore attività fisica, sport eccessivamente attivi, cibi di bassa qualità, alcune malattie degli organi ENT possono anche provocare nausea dopo aver mangiato.

Nausea durante la gravidanza

Aspettare un bambino è uno dei momenti più meravigliosi nella vita di una donna. Ma è oscurato dalla tossicosi. Questo fenomeno si osserva solitamente nel primo trimestre ed è accompagnato da una reazione a determinati alimenti oa tutto il cibo in generale, espressa da nausea e attacchi di vomito.

La ragione di questa reazione sono i cambiamenti ormonali nel corpo, il cui compito d'ora in poi è la conservazione e il mantenimento di una nuova vita. Dieta selezionata in modo improprio, processi infiammatori che si verificano negli organi pelvici, cambiamenti ormonali, cambiamenti nel background psico-emotivo, mancanza cronica di sonno e esaurimento emotivo possono aumentare la nausea dopo aver mangiato nelle donne in gravidanza.

La tossicosi, accompagnata da nausea, durante la gravidanza è la norma. E non è trattato con terapie farmacologiche classiche. Solo uno specialista può scegliere gli ausili giusti per alleviare la condizione della futura mamma, e condurre esperimenti su consiglio di amici, parenti o "esperti" sul Web nel caso di donne incinte è categoricamente inaccettabile.

Cosa fare e chi contattare se si avverte spesso nausea dopo aver mangiato

Poiché la nausea dopo aver mangiato può essere dovuta a vari motivi e malattie, è necessario consultare uno specialista per stabilirli. Inizia con un terapista e un endocrinologo. Dopo l'esame e la raccolta dei test, che possono includere uno studio di sangue, urina, feci, ecografia, gastroscopia, un test per Helicobacter pylori, lo specialista prescriverà un ciclo di trattamento e aggiusterà la dieta, se necessario. Potrebbe essere necessario rivolgersi a specialisti ristretti: un neurologo, un allergologo, uno specialista in malattie infettive.

Misure efficaci per prevenire la nausea

Non esiste una panacea per la nausea. E la condizione principale per sbarazzarsi di questo sintomo è il rispetto delle raccomandazioni del medico. In situazioni di emergenza, l'ammoniaca porterà sollievo, una piccola quantità del quale dovrà essere gocciolata su un batuffolo di cotone e portata al naso, una compressa di validol sotto la lingua, caramelle alla menta o tè allo zenzero.

Uno dei suggerimenti utili per alleviare la nausea è mantenere uno stile di vita sano. Vale la pena rinunciare a cibi grassi pesanti, ridurre le porzioni, mangiare frazionalmente 4-5 volte al giorno, bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno.

Si consiglia di rinunciare a bevande gassate zuccherate, fast food, alcol, fumo, camminare di più all'aria aperta, eliminare o ridurre al minimo gli eventuali allergeni.

Per mantenere la salute e il benessere, è importante seguire le regole del comportamento a tavola: non parlare, non farsi distrarre dalla TV, dalla lettura o dai gadget elettronici e masticare il cibo lentamente e accuratamente. Almeno una volta all'anno, sottoporsi a esame da specialisti di profilo ristretto.

Il corpo umano è in grado di comunicare i suoi problemi, ma solo nella lingua che comprende. Uno dei modi in cui vengono espressi è la nausea dopo aver mangiato. Solo uno specialista può affrontare le sue cause profonde. È severamente vietato diagnosticare autonomamente se stessi descrivendo situazioni simili da amici o articoli su Internet. Questo può peggiorare le cose e portare a problemi ancora più gravi..

Nausea dopo aver mangiato - ragioni. Cosa fare con nausea, dolore e vomito persistenti dopo aver mangiato

Tutti hanno avvertito una sensazione spiacevole nella parte superiore dello stomaco e la mancanza d'aria, con la voglia di far esplodere il contenuto dello stomaco. In casi comuni, la nausea può essere spiegata da cinetosi durante il trasporto o indigestione. Se la nausea non è lieve, ma periodica e acuta, ciò indica malattie gravi che richiedono un trattamento immediato.

Perché è nauseato dopo aver mangiato

Un attacco occasionale di nausea può indicare avvelenamento. Hanno mangiato qualcosa di sbagliato, non hanno usato il prodotto secondo la loro dieta. Cosa fare quando sei sicuro che il cibo sia fresco, ma dopo aver mangiato ti fa male lo stomaco e ti senti male. Dovresti stare attento se questo non scompare. Gli attacchi di nausea possono nascondere il pericolo. Possibili cause di nausea dopo aver mangiato:

  • infiammazione del rivestimento dello stomaco (gastrite), ulcera;
  • problemi al pancreas (pancreatite);
  • malattia dei calcoli biliari, infiammazione della cistifellea (colecistite);
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • appendicite;
  • nefropatia;
  • problemi cardiaci, con infarto miocardico.

Nausea dopo aver mangiato - cause nelle donne

I cambiamenti sono in corso nel corpo femminile, che spesso nessuno sospetta. È più suscettibile alle malattie rispetto agli uomini. Quando vuoi vomitare e ti fa male la testa, è un'emicrania. Cosa fare con un'emicrania prolungata? Nella lotta contro la malattia, i triptani aiuteranno: analgesici antiemicranici efficaci, durante il trattamento di cui non è consentita la violazione del dosaggio. Cause di nausea dopo aver mangiato nelle donne:

  • gravidanza;
  • cistite avanzata, che ha dato complicazioni ai reni;
  • dopo un pasto grasso, nausea;
  • bere caffeina a stomaco vuoto;
  • nevrosi, eccitazione.

Il bambino è malato dopo aver mangiato

Se gli adulti hanno difficoltà a tollerare la nausea, cosa dire dei bambini. Determinare la causa della nausea infantile non è facile. I bambini non possono dire quale fosse la ragione per cui hanno mangiato prima del sintomo spiacevole. I genitori devono indovinare, cercare il motivo per cui il bambino è malato dopo aver mangiato. Ci sono una serie di ragioni per questo, ma è più saggio consultare un medico. È difficile fare una diagnosi da soli, ma non è necessario mettere a rischio la vita di un bambino. Cosa fare se il bambino ha la nausea dopo aver mangiato e la pesantezza allo stomaco tormenta:

  1. Intossicazione del corpo. Dolore nella parte sinistra del corpo e voglia di vomitare.
  2. Interruzione del tratto gastrointestinale, dolore all'ombelico e al lato destro, ostruzione intestinale.
  3. Infezioni allo stomaco. Un bambino può essere infettato da giocattoli, acqua, cibo. Irritabilità, nausea, gonfiore, vomito sono i primi sintomi della malattia.
  4. La SARS e la pielonefrite colpiscono l'intestino e lo stomaco dei bambini, causando attacchi di nausea.
  5. Disturbi del sistema nervoso - infiammazione del rivestimento del cervello (meningite, encefalite). Un sintomo dopo la nausea sarà il vomito incessante, la paura della luce.
  6. Il ragazzo ha mangiato l'immangiabile. I bambini spesso mettono tutto in bocca, i genitori devono controllarlo. Plastilina, rossetto, crema: tutti gli oggetti più piccoli della bocca di un bambino devono essere rimossi.
  • Come trovare un film senza conoscere il titolo per descrizione
  • Come creare una firma elettronica
  • Come sbarazzarsi dei peli superflui con il perossido di idrogeno

Nausea al mattino dopo aver mangiato

Ti sei svegliato e hai fatto colazione, ma hai la nausea? Devi cercare il motivo per cui ti senti male la mattina dopo aver mangiato. Forse è facile da risolvere, o forse dovrebbe essere chiamata subito un'ambulanza. Se ti senti male al mattino dopo aver mangiato, i motivi sono vari: gravidanza, avvelenamento la sera, dosaggio impreciso del farmaco, vermi, VSD (distonia vegetativa-vascolare). Il terapeuta aiuterà a stabilire la causa esatta della depressione.

Nausea dopo aver mangiato - malattia

Ci sono malattie che si manifestano immediatamente e si fanno sentire dalla pesantezza allo stomaco. Cosa fare? Non ignorare queste manifestazioni e non mettere in pericolo la tua salute. Una sola manifestazione di nausea durante un lungo trasloco va bene. Se seduto a casa, dopo aver mangiato il solito cibo, c'è una nausea costante o improvvisamente inizia a provare nausea, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza.

Scopri per quali malattie la nausea appare improvvisamente e non dà riposo.

  1. Infiammazione dell'appendicite. Il dolore è difficile da definire e spesso si avverte nella parte destra dell'addome inferiore. Dopo la nausea, può iniziare il vomito e la temperatura sale a 38 gradi.
  2. Ulcera e gastrite. Nausea dopo aver mangiato, bruciore di stomaco, dolore nella parte superiore dell'addome.
  3. Vermi - elminti.
  4. Disturbi del sistema cardiaco. Spesso nausea dopo aver mangiato e quando non mangi più nulla. Può essere un sintomo di infarto miocardico.
  5. Malattia renale e insufficienza renale. Nella pielonefrite acuta compaiono dolore alla schiena sordo, nausea e vomito.
  6. Trauma cranico. La nausea si verifica con commozione cerebrale e danni ai suoi tessuti e vasi sanguigni.
  7. Problemi al fegato La nausea può verificarsi nelle prime fasi di malattie come epatite, colecistite, cirrosi epatica.
  8. Pancreatite - indigestione, mancanza di appetito, nausea.
  9. La duodenite è caratterizzata da nausea prolungata.

Disfunzione dell'apparato digerente

Ci sono malattie che sono necessariamente accompagnate da nausea. Ciò accade perché a causa di alcuni disturbi, lo stomaco inizia a funzionare male. La nausea con malattia intestinale si verifica in modo riflessivo. Tra le malattie croniche dell'apparato digerente con la manifestazione di nausea, ci sono la gastrite atrofica (la condizione dello stomaco prima del cancro) e la gastrite poliadenomatosa (le cisti si sviluppano nello stomaco). Fare tali diagnosi richiede l'esame da parte di un gastroenterologo, sottoposto a gastroscopia.

  • Segni di mughetto nelle ragazze
  • Come identificare e trattare l'atonia intestinale
  • Herbalife dimagrante

In caso di violazione dell'apparato vestibolare

L'apparato vestibolare è necessario per orientare una persona nello spazio e mantenere l'equilibrio. Se non funziona correttamente, si sente male dopo aver mangiato, provocando il vomito. Compaiono lievi capogiri, la coordinazione dei movimenti è compromessa. I sintomi sono intermittenti, lievi. Puoi sentire effetti simili con mal di mare e postumi di una sbornia. Altre cause di disturbi dell'apparato vestibolare:

  • malattie dell'orecchio interno;
  • neurite vestibolare;
  • problemi alle arterie uditive;
  • intossicazione da farmaci;
  • epilessia;
  • sclerosi multipla.

Vomito dopo aver mangiato durante la gravidanza

La tossicosi è uno dei chiari segni che sei in una posizione. Quasi ogni donna lo incontra. La tossicosi si manifesta all'inizio della gravidanza o nel mezzo. Il corpo della donna subisce cambiamenti drammatici. I medici non conoscono la vera causa della nausea, ma esiste una teoria secondo cui la colpa è dell'ormone hCG (gonadotropina corionica), che aumenta diverse migliaia di volte durante la gravidanza. Una donna in una posizione, oltre alla nausea, può sentire:

  • debolezza;
  • sensibilità agli odori (fino al disgusto dei tuoi cibi preferiti);
  • sentirsi poco bene;
  • bruciore di stomaco;
  • vomito.

Nausea dopo cibi grassi

Dopo aver mangiato molti cibi grassi, si verificano attacchi di nausea e vomito. Questi problemi possono causare malattie, ma anche una persona sana può trovarsi stanca dei cibi grassi. Ciò accade perché lo stomaco non può avvelenare eccessivamente i cibi "pesanti". Ma la nausea può essere causata da:

  • funzione renale impropria;
  • acidità di stomaco disturbata;
  • deflusso improprio della bile.

Dopo avvelenamento, nausea dopo aver mangiato

L'avvelenamento grave è sempre accompagnato da nausea. Ciò accade se il prodotto usato è di scarsa qualità, la sua durata è scaduta, la temperatura di conservazione è violata. In tali condizioni, gli agenti patogeni si formano nel cibo. Quando ti senti male per il cibo, vale la pena bere assorbenti che puliranno l'intestino. Pochi giorni dopo l'avvelenamento, vale la pena mangiare pollo bollito, brodo magro. Bifidobatteri, yogurt fatti in casa, probiotici aiuteranno a normalizzare la condizione. Ripristineranno gradualmente la microflora, sarà possibile passare alla normale alimentazione.

Cosa fare se ti senti male dopo aver mangiato

Aria fresca, sonno e acqua minerale senza gas aiutano e in alcuni casi non puoi fare a meno delle pillole. È necessario percepire la sensazione di nausea dopo aver mangiato come un segnale del corpo per chiedere aiuto e non ignorarlo. Puoi rimuovere la sensazione di nausea solo se determini correttamente la causa di questa condizione:

  1. Malattie. Consulta un gastroenterologo e segui le sue prescrizioni e la sua dieta.
  2. Cibi grassi. Cerca di non mangiare troppo, escludi cibi ipercalorici, fritti e grassi. Se hai mangiato troppo, bevi un bicchiere di acqua tiepida.
  3. Farmaci. L'inizio della nausea durante l'assunzione di farmaci è un effetto collaterale che scompare al termine della terapia.
  4. Gravidanza. La radice di zenzero e il tè verde aiuteranno a normalizzare la condizione prima di visitare un ostetrico-ginecologo.
  5. A causa dello stress. Se non riesci a eliminare la fonte di stress, dovresti pensare al bene e prendere un leggero sedativo. È meglio scegliere preparati a base di erbe che non danneggino il corpo, ad esempio la valeriana.
  6. Cinetosi. Quando il corpo di una persona rimane immobile e tutto intorno si muove, l'apparato vestibolare impazzisce. Veicoli, viaggi aerei, treni: tutto può provocare un attacco di cinetosi. Hai solo bisogno di sopportare un momento spiacevole, ma l'effetto può essere indebolito per un po 'con l'aiuto di pillole o mentine per la cinetosi..
  7. Colpo di sole estivo Devi sdraiarti, mettere un asciugamano bagnato sul viso.

Cosa fare se ti senti male dopo aver mangiato?

Nausea: una sensazione dolorosa che si verifica nella parte superiore dell'addome ed è accompagnata dalla voglia di vomitare.

Cosa fare se ti senti male dopo aver mangiato?

Durante la sua vita, una persona spesso incontra questa sensazione piuttosto spiacevole per una serie di motivi diversi. Se è successo una volta, è improbabile che porti con sé seri problemi, ma se provi nausea costante, ciò indica evidenti violazioni del tratto gastrointestinale o una serie di altre malattie. Continua a leggere perché ti senti male dopo aver mangiato.

Malattie che possono causare nausea dopo aver mangiato

  • Colecistite e malattie della colecisti.
  • Malattie intestinali e altre malattie infettive.
  • Patologia cardiaca.
  • Emicrania.
  • Ulcera e gastrite.
  • Pancreatite e problemi pancreatici.

Cause somatiche di nausea dopo aver mangiato

  • Disfunzione gastrica: la nausea può essere accompagnata da bruciore di stomaco, dolore addominale ed eruttazione.
  • Interruzione della cistifellea e del fegato. Inoltre, oltre alla nausea, c'è dolore nella parte superiore dell'addome, flatulenza e amarezza in bocca..
  • Pancreatite - può anche avere dolore e vomito.
  • Processi infiammatori nell'area dell'appendice.
  • Malattie intestinali e altre malattie infettive: la nausea può comparire un'ora o due dopo aver mangiato, accompagnata da febbre, diarrea e dolore nella regione intestinale.
  • Succede che la nausea si osservi immediatamente dopo aver mangiato e poi non scompaia durante il giorno, anche se non mangi più nulla - questo è un segno di un infarto miocardico in via di sviluppo, quindi devi assolutamente cercare aiuto medico.
  • La nausea dopo aver mangiato può indicare un'insufficienza renale. I segni evidenti di questa malattia sono dolori lombari, brividi e nausea incessante..
  • Se, oltre alla nausea dopo aver mangiato al mattino, hai le vertigini e il gonfiore del corpo, allora potresti soffrire di ipertensione..
  • Ipotiroidismo: nausea, sonnolenza, brividi e letargia.

Per tutti i motivi sopra indicati, è assolutamente necessario consultare un medico per un trattamento tempestivo..

Cause fisiologiche di nausea dopo aver mangiato

  • Se hai mangiato cibo che ha superato la data di scadenza o è semplicemente rovinato, potresti provare nausea dopo aver mangiato..
  • Attività fisica eccessiva dopo un pasto abbondante (lo stomaco può premere sul diaframma).
  • Questo disturbo può essere il risultato di un eccesso di cibo o di una grande quantità di cibi fritti e grassi mangiati..
  • Violazione dell'apparato vestibolare robotico.
  • La nausea dopo aver mangiato può verificarsi con diversi farmaci, in particolare le comuni pillole dimagranti..
  • Gravidanza.
  • Inoltre, in alcuni casi, se una persona sta vivendo ansia, paura o panico.
  • Invasione elmintica.

Cosa fare con la nausea dopo aver mangiato?

Se ti trovi di fronte al problema della nausea dopo aver mangiato e del dolore nella parte superiore dell'addome, ci sono sospetti di gastrite o ulcera peptica, devi iniziare una dieta corretta, escludendo cibi grassi, fritti e di farina dalla tua dieta e, naturalmente, consultare uno specialista. Se hai identificato un'ulcera peptica in modo tempestivo, il trattamento avrà successo..

Con patologie dei dotti biliari e della cistifellea, è necessario passare in modo indipendente alla nutrizione frazionata e contattare uno specialista.

Un segno di pancreatite, oltre alla nausea dopo aver mangiato, è un dolore estensivo costrittivo: è necessario seguire una dieta rigorosa che escluda cibi grassi, fritti, dolci e di farina e mangiare anche cinque volte al giorno in piccole porzioni.

Se sospetti un'appendicite, devi chiamare urgentemente un'ambulanza senza cercare di alleviare il dolore con vari antidolorifici.

In caso di avvelenamento con cibo di bassa qualità, dovresti provare a indurre il vomito e solo dopo prendere una quantità abbondante di liquido. È inoltre necessario prendere carbone attivo o Enterosgel, poiché sono buoni agenti adsorbenti. Se i sintomi persistono, chiamare l'assistenza medica..

L'ipertensione viene trattata solo come prescritto da un medico, il sintomo principale è la nausea dopo aver mangiato.

In caso di emicrania, la nausea dopo aver mangiato aiuterà a rimuovere Metoproclamide e Sumatriptan, farmaci del gruppo dei triptani. Per l'emicrania, non è consigliabile assumere cibi come cioccolato, formaggi a pasta dura, vino e pesce, perché contengono tiramina.

Se ti senti nauseato dopo aver mangiato durante la gravidanza, non preoccuparti: questo è un sintomo comune nella tua posizione..

Non dimenticare che la nausea può essere il risultato di molte malattie gravi, quindi questo problema richiede un approccio molto attento. Succede che questo sia il caso di una volta, quindi riconsidera la tua dieta o routine quotidiana. Se si verificano regolarmente nausea, non ritardare di andare in ospedale per l'esame e l'identificazione tempestiva delle cause..

Cosa significa nausea dopo aver mangiato e cosa significa cosa fare come sbarazzarsi di

La nausea dopo aver mangiato è un problema comune di cui soffrono molte persone. La nausea costante influisce sull'assunzione di cibo, limita la dieta, la comunicazione, l'irritabilità e l'ansia.

Spesso associato ad intossicazione alimentare. Ma questo non è l'unico motivo per cui ti senti male dopo aver mangiato. Ce ne sono altri, compresi quelli non correlati alla malattia.

La gravità, il bruciore allo stomaco, la nausea e persino il vomito non sono condizioni mediche. Piuttosto un segno di diverse malattie, la maggior parte delle quali sono associate all'apparato digerente.

  1. Perché ci si sente male dopo aver mangiato
  2. Cause di nausea non correlate alla malattia
  3. Superlavoro e stress
  4. Non masticare cibo
  5. Vai a letto subito dopo aver mangiato
  6. L'abitudine di lavare il cibo con bevande gassate
  7. Quali malattie possono causare nausea dopo aver mangiato
  8. Nausea dopo aver mangiato durante la gravidanza
  9. Cosa fare e come sbarazzarsi di

Perché ci si sente male dopo aver mangiato

La nausea è una sensazione spiacevole che può portare al vomito. Il vomito, a sua volta, è la risposta del corpo, che finisce per svuotare lo stomaco del cibo mangiato.

Il cibo è necessario per sopravvivere. Come l'aria e l'acqua, il principale fattore di vita. Cibo:

  • Fornisce l'energia di cui il corpo ha bisogno per le attività quotidiane;
  • Mantiene un apporto costante di nutrienti e calorie.

Il processo di digestione inizia in bocca, dove il cibo viene masticato per renderlo più facile da deglutire. Quindi penetra attraverso l'esofago nello stomaco e ulteriormente nell'intestino.

Succo gastrico, succhi digestivi abbattono il cibo, estraendo sostanze nutritive e inviando rifiuti al colon per l'eliminazione dal corpo.

La nausea è generalmente protettiva impedendo l'ingresso di sostanze nocive nel corpo. Pertanto, eventuali problemi che sorgono durante il passaggio del cibo attraverso il tubo digerente possono portare al suo verificarsi..

I sintomi compaiono spesso nella parte superiore dell'addome, dove iniziano i primi processi di digestione del cibo. A volte il corpo reagisce ai problemi emergenti mediante lo svuotamento forzato dello stomaco - vomito.

Cause di nausea non correlate alla malattia

La nausea dopo aver mangiato non è solo dovuta a malattie o cibo di scarsa qualità. Le ragioni possono essere molto diverse..

Superlavoro e stress

Lo stress ha un impatto significativo sulla funzione digestiva. Durante l'aumento dell'ansia, l'ansia:

  • Il battito cardiaco aumenta;
  • I vasi sanguigni si restringono;
  • I muscoli sono tesi.

Anche il sistema digestivo è difensivo. Durante questo periodo, è meglio prendersi una pausa temporanea e calmarsi..

Quando prendi il cibo, devi concentrarti solo su di esso, dimenticando tutto il resto. Concentrarsi solo sul cibo migliora la digestione e l'assorbimento dei nutrienti.

Non masticare cibo

La digestione inizia in bocca. Anche prima che il primo cucchiaio di cibo entri in bocca, le ghiandole salivari vengono attivate, rilasciando gli enzimi necessari per abbattere.

La masticazione è uno dei passaggi importanti nel processo digestivo. La saliva ammorbidisce e scompone il cibo, consentendo il passaggio alla fase successiva della lavorazione nello stomaco.

Il cibo non masticato, entrando nello stomaco, carica il resto degli organi coinvolti nella lavorazione del cibo. Oltre alla nausea, potrebbero esserci:

  • Mal di stomaco;
  • Gonfiore;
  • Aumento della produzione di gas.

Per evitare sintomi spiacevoli, si consiglia di masticare il cibo almeno 20 volte..

Vai a letto subito dopo aver mangiato

Andare a dormire subito dopo una cena abbondante fa male alla digestione. Stare sdraiati provoca disturbi di stomaco, bruciore di stomaco.

L'ultimo pasto dovrebbe essere 2-3 ore prima di coricarsi. Questo è quanto tempo ci vuole per digerire.

L'abitudine di lavare il cibo con bevande gassate

Le bevande gassate possono mettere a dura prova il tratto digestivo. I sintomi di disagio possono verificarsi dopo aver bevuto 1 bicchiere di bevanda gassata. Questa non è necessariamente limonata, ma anche kvas, kombucha.

Inoltre, la nausea può essere accompagnata da:

  • Flatulenza;
  • Gonfiore;
  • Mal di stomaco.

Sintomi simili si osservano dopo aver mangiato cavoli, cipolle.

Può verificarsi se utilizzato:

  • Cibo acido o piccante;
  • Bevande contenenti caffeina;
  • Alcol;
  • Molto cibo mangiato.

Affinché il sistema digestivo funzioni correttamente, sono necessari pasti regolari. Non puoi morire di fame per molto tempo e poi compensare in una volta. Se per qualche motivo c'è stata una lunga pausa nell'assunzione di cibo, è necessario mangiare lentamente, masticando accuratamente.

Quali malattie possono causare nausea dopo aver mangiato

  • Avvelenamento del cibo;
  • Ulcera allo stomaco;
  • Dispepsia;
  • Celiachia;
  • Problemi psicologici;
  • Processi infiammatori nell'intestino;
  • Appendicite;
  • Calcoli biliari;
  • Tumore maligno.

L'intossicazione alimentare è il risultato del consumo di cibo contaminato da microrganismi, in particolare batteri stafilococchi.

I sintomi di avvelenamento includono:

  • Dolore addominale;
  • Nausea;
  • Vomito;
  • Vertigini;
  • Aumento della temperatura.

Segni di avvelenamento possono comparire diverse ore dopo un pasto o dopo giorni o settimane.

Un'ulcera peptica è una malattia che colpisce il tratto gastrointestinale. Causa e aggrava i sintomi della malattia:

  • Eccessivo consumo di alcol;
  • Fumo;
  • Assunzione regolare di aspirina;
  • Altri farmaci antinfiammatori.

Anche la dispepsia o l'indigestione possono causare nausea. Si manifesta in una serie di altri segni, come:

  • Dolore addominale;
  • Gonfiore;
  • Masterizzazione retrosternale;
  • Eruttazione.

Le cause della dispepsia includono:

  • Eccesso di cibo;
  • Stress emotivo;
  • Mangiare cibi grassi, fritti o piccanti;
  • Bevande gassate.

La celiachia è una causa comune di allergie digestive. Alcune persone non possono abbattere il glutine..

Inoltre, le allergie legate alla nausea possono essere causate da:

  • Allergia alle proteine ​​del latte;
  • Frutta;
  • Verdure;
  • Noccioline

e altri prodotti.

Un modo semplice per prevenire la nausea è evitare le allergie alimentari..

Ci sono molte cause psicologiche che possono causare nausea dopo aver mangiato. Ad esempio, la bulimia nervosa.

La causa dei processi infiammatori nell'intestino può essere:

  • Tifo;
  • Colite;
  • Gastroenterite

e altre malattie gastrointestinali.

La nausea accompagnata da dolore nella parte inferiore destra dell'addome può indicare un'appendicite, che richiede il ricovero immediato.

Se il dolore addominale, la nausea e il vomito peggiorano, specialmente dopo aver mangiato cibi grassi, allora sono possibili calcoli biliari.

Il cancro allo stomaco è una causa più grave di nausea dopo aver mangiato. L'incidenza del cancro allo stomaco è diminuita negli ultimi anni. Ora è più comune negli uomini anziani. Perdita di peso, sangue nelle feci - altri sintomi della malattia.

Sindrome dell'intestino irritabile (IBS), una condizione che colpisce il tratto digestivo che non può essere curata, ma i sintomi possono essere controllati.

Oltre alla nausea, può essere accompagnato da:

  • Crampi allo stomaco;
  • Gonfiore;
  • Stipsi;
  • Diarrea.

Il bruciore di stomaco o il reflusso acido è un sintomo di un altro problema, come GERD, che può essere accompagnato da nausea.

Nausea dopo aver mangiato durante la gravidanza

La nausea compare nel primo trimestre in quasi tutte le donne. Può sentirsi mite al mattino e peggio dopo aver mangiato.

Nella maggior parte dei casi, diminuisce entro pochi mesi dalla gravidanza. Ma alcune donne soffrono costantemente di questo problema durante la gravidanza..

La causa della nausea e del vomito durante la gravidanza è ancora sconosciuta. Sospettato di essere causato da cambiamenti ormonali in corso e squilibri di zucchero nel sangue.

Il problema della nausea può essere superato alzandosi dal letto. Se una donna avverte nausea al mattino, devi mangiare un po 'subito dopo aver dormito e senza alzarti dal letto..

Si consiglia di bere più acqua, succhi di frutta. Evitare:

  • Alimenti ricchi di sale, spezie, grassi;
  • Pane tostato;
  • Cracker;
  • Sukhari;
  • Alcol;
  • Caffeina;
  • Fumo.

Mangiare cibi freddi oa temperatura ambiente se l'odore provoca nausea e vomito.

Cosa fare e come sbarazzarsi di

Per alleviare la nausea dopo aver mangiato, puoi:

  • Bere molta acqua
  • Evitare cibi grassi, piccanti e fritti;
  • Bevendo tè alla menta o allo zenzero.
  • Una fetta di limone;
  • Dolci alla menta;
  • Pezzo di ghiaccio.

Mangia in piccole porzioni, masticando lentamente e accuratamente.

In alcuni casi, si consiglia di assumere la vitamina B6 dopo aver consultato un medico.

La nausea correlata alla malattia richiede un trattamento per la malattia sottostante. È vietato assumere antiemetici da soli per non aggravare il decorso della malattia.

Perché nasce la nausea, di quali malattie parla la nausea dopo aver mangiato? Risposte nel video del programma "Sulla cosa più importante"

Nausea dopo aver mangiato

La nausea dopo aver mangiato è una spiacevole sensazione dolorosa nello stomaco, nell'esofago e nell'orofaringe, che si verifica immediatamente o qualche tempo dopo aver mangiato ed è accompagnata da una violazione del benessere generale. La nausea spesso precede il vomito. Il sintomo può avere prerequisiti fisiologici: eccesso di cibo, gravidanza, ma più spesso è determinato con varie patologie dell'apparato digerente e del sistema epatobiliare. Ultrasuoni, endoscopia, radiografia e metodi di laboratorio vengono utilizzati per identificare le cause della nausea. Tisane, procinetici, assorbenti, antistaminici aiutano a ridurre il disagio..

  • Cause di nausea dopo aver mangiato
    • Allergia al cibo

    Cause di nausea dopo aver mangiato

    I sintomi dispeptici a volte vengono rilevati in persone assolutamente sane e sono associati a imprecisioni nella dieta. La nausea si osserva con l'eccesso di cibo, che è causato dallo stiramento delle pareti dello stomaco e dal flusso degli impulsi nervosi nelle parti corrispondenti del cervello. Tale manifestazione è considerata una variante normale e non richiede trattamento. Le donne incinte spesso lamentano nausea dopo aver mangiato. Questo sintomo si sviluppa più spesso nel primo trimestre, a causa di cambiamenti funzionali nel sistema nervoso, perversione degli impulsi dagli organi addominali che entrano nel sistema nervoso centrale.

    Allergia al cibo

    Le reazioni allergiche a determinati alimenti si manifestano spesso con disturbi di stomaco e nausea. La nausea è causata dall'irritazione delle terminazioni nervose con immunoglobuline e agenti infiammatori, che si formano in grandi quantità quando proteine ​​estranee vengono ingerite con il cibo. Gli impulsi che si verificano quando si agisce sui recettori stimolano il nervo vago e raggiungono il centro del vomito nel cervello. Molto spesso, le allergie sono all'albume, ai latticini, agli agrumi e al cioccolato.

    La nausea con allergie alimentari compare immediatamente dopo aver mangiato cibi provocatori, solitamente combinati con eruzioni cutanee, prurito, congiuntivite e rinite sierosa. I sintomi sono aggravati dallo sviluppo di gastrite allergica con infiltrazione eosinofila della mucosa gastrica. La nausea dopo aver mangiato è anche causata da una ridotta motilità dell'organo, spasmo dello sfintere pilorico e un cardias aperto. Oltre al disturbo dispeptico, sono possibili debolezza, pallore della pelle, vertigini.

    Gastrite

    La nausea dopo aver mangiato, insieme ad altri disturbi dispeptici, è considerata la principale manifestazione di infiammazione acuta della membrana epiteliale dello stomaco. Il sintomo è provocato dall'azione di mediatori infiammatori sulle terminazioni nervose e dall'ulteriore effetto irritante del cibo in arrivo. Un processo acuto è caratterizzato dallo sviluppo della clinica 6-12 ore dopo l'esposizione a un fattore patologico. La nausea dopo un certo periodo di tempo dopo aver mangiato è possibile con la gastrite con una diminuzione dell'attività secretoria, dovuta al ristagno del chimo nello stomaco, all'eccessivo allungamento delle sue pareti.

    Altre malattie dello stomaco

    Il disagio nell'esofago e nello stomaco dopo aver mangiato cibi può essere innescato sia da processi infiammatori che da altre malattie dello stomaco. Il meccanismo per lo sviluppo della nausea in questo caso è associato a una ridotta motilità della muscolatura liscia e impulsi viscerali patologici, che di conseguenza porta ad un aumento dell'attività del nervo vago e all'attivazione del centro del vomito. La nausea di solito si verifica 10-15 minuti dopo aver mangiato. I sintomi possono essere causati da:

    • Atonia dello stomaco. La diminuzione della contrattilità della muscolatura liscia contribuisce al ristagno prolungato del cibo parzialmente digerito, che provoca la distensione dello stomaco. Di conseguenza, si formano impulsi eccessivi dai recettori viscerali, che entrano nel cervello. La condizione è aggravata dopo aver mangiato, poiché la parete dell'organo è ulteriormente allungata. L'atonia si manifesta con vomito abbondante, pesantezza all'addome.
    • Sindrome da dumping. Mangiare la nausea è più comune con la sindrome da dumping precoce, che inizia un quarto d'ora dopo un pasto. L'assunzione di chimo non digerito ad alta osmolarità provoca l'ipersecrezione di acqua nel lume intestinale e lo stiramento delle sue pareti. I pazienti lamentano forti spasmi, diarrea profusa e vomito. La combinazione di dispepsia e disturbi vegetativi: debolezza, svenimento, sudorazione è indicativa..
    • Neoplasie. La nausea dopo aver mangiato compare con grandi tumori benigni che impediscono il passaggio del chimo e causano l'iperestensione delle pareti dello stomaco. Il fastidio doloroso allo stomaco si osserva anche nelle neoplasie maligne. È causato non solo da ragioni meccaniche, ma anche dalla crescita della neoplasia in profondità nella parete dell'organo con danni ai plessi nervosi.

    Avvelenamento

    In caso di avvelenamento con cibo, sostanze vegetali o farmaci, la comparsa di nausea è causata dall'azione di sostanze tossiche sui chemocettori della zona trigger situata nella fossa a forma di diamante. La nausea spesso porta al vomito, combinato con disturbi dispeptici: diarrea, dolore crampico nella regione epigastrica. La comparsa di sintomi generali - mal di testa e vertigini, debolezza, sensazione di testa vuota - indica una massiccia intossicazione, in questa condizione è necessaria l'assistenza medica immediata.

    Patologia della zona pancreato-duodenale

    Il pancreas e le parti sottostanti del tubo digerente hanno una comune innervazione attraverso i rami del sistema nervoso autonomo, quindi, i processi dolorosi in questi organi portano invariabilmente alla stimolazione del centro del vomito nel midollo allungato. La nausea si verifica quando gli impulsi viscerali non sono abbastanza forti da indurre il vomito. In questi casi, la dispepsia si sviluppa più tardi - 1-1,5 ore dopo aver mangiato. La nausea è più comune in condizioni e malattie come:

    • Reflusso duodeno-gastrico. Il lancio della bile concentrata nella cavità dello stomaco provoca l'irritazione dei suoi recettori, che si manifesta sotto forma di nausea. La condizione è accompagnata da eruttazione amara, bruciore di stomaco, dolore sordo all'epigastrio. In caso di insufficienza dello sfintere pilorico con reflusso costante del contenuto duodenale, può svilupparsi gastrite chimica, per la quale è tipico un aumento del dolore, vomito della bile.
    • Bulbite erosiva. La nausea con danno al bulbo duodenale è associata sia a una reazione infiammatoria che a una violazione della secrezione degli enzimi biliari e pancreatici a causa della disfunzione dello sfintere di Oddi. Il bulbo erosivo non ha segni clinici patognomonici e procede sotto le spoglie di altre malattie gastrointestinali. Una pericolosa complicazione della malattia è lo sviluppo di sanguinamento con vomito di "fondi di caffè", gesso.
    • Duodenostasi. Il ristagno del chimo nel lume del duodeno provoca il suo allungamento, la reazione delle terminazioni nervose con la formazione di impulsi patologici. La condizione peggiora dopo aver mangiato, che è associata all'assunzione di porzioni aggiuntive di masse alimentari, alla discrepanza tra le contrazioni degli sfinteri dello stomaco e la muscolatura liscia. Caratterizzato da gravità e dolore all'addome, disturbi delle feci.
    • Pancreatite alcolica. La nausea indotta dal cibo è associata a cattiva digestione e malassorbimento con un apporto inadeguato di enzimi pancreatici. Per la pancreatite, sono indicativi feci abbondanti con impurità di grassi neutri e cibo non digerito, dolore all'epigastrio e ipocondrio sinistro. Con l'abuso di alcol, i sintomi sono aggravati dall'azione centrale dei metaboliti tossici dell'etanolo.

    Malattie del sistema epatobiliare

    Lo stiramento delle pareti della cistifellea e l'aumento della pressione sulla capsula epatica stimolano i recettori viscerali, forniscono impulsi patologici alle specifiche strutture nervose del cervello. La nausea dopo aver mangiato può essere associata ad un aumento del carico sui corrispondenti organi del sistema epatobiliare, al coinvolgimento dei recettori nervosi del duodeno e dello stomaco nel processo. Nella maggior parte dei casi, i disturbi dispeptici provocano:

    • Discinesia biliare. Le sensazioni spiacevoli nel tratto gastrointestinale superiore dopo aver mangiato sono dovute alla discordinazione delle contrazioni della membrana muscolare dei dotti biliari, che si verificano sullo sfondo di disturbi della regolazione nervosa autonoma del funzionamento del tratto digestivo. Il quadro clinico della discinesia include dolore nell'ipocondrio destro, aggravato dopo aver mangiato cibi grassi, disturbi delle feci, eruttazione.
    • Infiammazione della cistifellea. La nausea con colecistite è principalmente causata dal ristagno della bile e dall'eccessivo allungamento dell'organo, che provoca l'irritazione delle terminazioni nervose e la trasmissione degli impulsi viscerali al centro del vomito. La manifestazione si intensifica dopo aver mangiato a causa della stimolazione dell'attività contrattile della vescica infiammata quando il chimo entra nel duodeno. È possibile una combinazione di nausea con sindrome del dolore, vomito intermittente, eruttazione amara.
    • Sindrome postcolecistectomia. La nausea è causata da una circolazione anormale della bile, che causa irritazione della mucosa del tratto gastrointestinale e distensione intestinale dovuta alla sindrome da malassorbimento con aumento della produzione di gas. La nausea è accompagnata da diarrea con rilascio di feci fetide grigiastre, sindrome del dolore, che si osserva nel 70% dei pazienti, eruttazione amara e bruciore di stomaco.
    • Echinococcosi del fegato. Un tipico segno di una malattia parassitaria è la nausea dopo aver mangiato principalmente cibi fritti o grassi. Nelle prime fasi, i disturbi dispeptici sono combinati con debolezza immotivata, mal di testa, eruzioni cutanee polimorfiche. Quando scoppia una cisti echinococcica, può iniziare una reazione allergica con insufficienza respiratoria.

    Infezioni intestinali

    Vari agenti microbici che entrano nel tratto gastrointestinale danneggiano la mucosa e interrompono le funzioni intestinali. La comparsa della nausea è associata a impulsi patologici del tratto gastrointestinale, derivanti dall'irritazione dei recettori nervosi e dall'azione diretta delle endotossine dei patogeni sulla zona trigger nel cervello. La nausea dopo aver mangiato è patognomonica per le malattie infettive che procedono a seconda del tipo di gastroenterite: escherichiosi, salmonellosi gastrointestinale, infezioni da rotavirus e norovirus.

    Sondaggio

    La nausea dopo aver mangiato indica molto spesso la presenza di malattie dell'apparato digerente, pertanto il gastroenterologo è impegnato nell'esame e la ricerca diagnostica comporta uno studio completo delle caratteristiche morfologiche e funzionali del tratto gastrointestinale del paziente. Quando si effettua una diagnosi, vengono utilizzati moderni metodi di laboratorio e strumentali, di cui i più informativi sono:

    • Sonografia. L'ecografia della cavità addominale è prescritta come metodo di screening per tutti i pazienti con disturbi dispeptici a lungo termine. L'esame ecografico rivela segni aspecifici di processi ulcerativo-distruttivi e infiammatori. Se necessario, viene eseguita un'ecografia mirata dei singoli organi.
    • Endoscopia gastrointestinale. L'EGDS è il metodo più informativo per diagnosticare le malattie del tratto digestivo superiore, che sono accompagnate da nausea. Secondo le indicazioni, lo studio è integrato con una biopsia. Se è necessario visualizzare l'intestino tenue per tutta la sua lunghezza, utilizzare l'endoscopia con capsula video.
    • Radiografia. L'esame a raggi X con contrasto con una miscela di bario è efficace nel rilevare i processi distruttivi ulcerativi nel tratto digestivo. Il metodo non è sufficientemente specifico per la diagnosi di patologie infiammatorie, pertanto è consigliabile utilizzarlo in combinazione con l'endoscopia gastrointestinale.
    • Studio della secrezione gastrica. Mangiare la nausea può segnalare anomalie nella funzione di produzione di acido dello stomaco, quindi è prescritto un pHmetro di 24 ore. Stimare anche la quantità di acido cloridrico totale e libero a stomaco vuoto e dopo la somministrazione di farmaci che stimolano la secrezione.
    • Analisi delle feci. Il coprogramma standard consente di sospettare un malassorbimento del cibo e vari processi infiammatori nell'intestino, che sono accompagnati da sintomi dispeptici. Inoltre, l'inoculazione batteriologica delle feci e l'analisi per le uova di elminti vengono eseguite per escludere l'eziologia infettiva del processo.

    È necessario un esame del sangue biochimico per escludere la patologia biliare ed epatica, che causa nausea dopo aver mangiato. Se il paziente ha una sindrome infettiva generale, vengono eseguite reazioni sierologiche specifiche per cercare anticorpi contro microrganismi patogeni. La manometria intraesofagea è prescritta per valutare la funzione motoria dell'organo e la coerenza dell'apparato sfintere.

    Terapia sintomatica

    La nausea occasionale dopo errori dietetici o eccesso di cibo non richiede farmaci. Per alleviare i sintomi spiacevoli, puoi bere tè allo zenzero o alla menta, mangiare lentamente una fetta di limone. Per prevenire la nausea, è necessario normalizzare la dieta: mangiare 4-5 volte al giorno, non lasciare asciugare il cibo. In presenza di allergie alimentari, è importante eliminare completamente alcuni alimenti dalla propria dieta, limitare il consumo di arachidi, fragole, che possono provocare gravi reazioni sistemiche.

    Se la nausea dopo aver mangiato non scompare da sola per diversi giorni e non è associata a ragioni fisiologiche, è necessario contattare un istituto medico per una diagnosi completa. Prima della verifica della diagnosi clinica, la procinetica, che migliora le capacità motorie e previene le contrazioni antiperistaltiche, antistaminici e sedativi, possono essere utilizzati per ridurre le manifestazioni spiacevoli. I sorbenti sono raccomandati se si sospetta avvelenamento.